Home Curiosità 6 prodotti che non comprerai mai più dopo aver saputo di cosa...

6 prodotti che non comprerai mai più dopo aver saputo di cosa sono fatti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:00
CONDIVIDI

Ecco a voi 6 dei prodotti alimentari più comunemente consumati e che, forse, deciderete di non comprare più dopo aver saputo di cosa sono fatti…

6 prodotti come sono fatti-Meteoweek.com

E’ nostra abitudine mangiare cibi industrializzati senza leggere o andare affondo alla lista degli ingredienti riportati sulla confezione. Alcuni di questi alimenti non solo non apportano nessun valore nutrizionale al nostro corpo ma presentano all’interno degli ingredienti alquanto inquietanti. Vediamo quali sono…

L’ingrediente segreto

Marshmallows-Meteoweek.com

Marshmallow

È noto che la gelatina che serve per conferire alla caramella quella leggera consistenza di nuvola, viene prodotta mediante l’ ebollizione della pelle e resti ossei di mucche e maiali lasciati dall’industria della carne.

Birra

La birra viene prodotta da oltre 700 anni e la maggior parte di noi l’adora. Sembrerebbe però che la birra contenga un ingrediente un pò impressionante se si pensa da quale parte del corpo animale viene estratta. Le aziende produttrici di birra da circa 300 anni aggiungerebbero la colla di pesce, un collagene naturale estratto dalla vescica natatoria dei pesci. Attraverso questo organo controllano il galleggiamento gonfiando e sgonfiando la vescica stessa. La colla di pesce funziona come un magnete: attrae le cellule vive del lievito addensandole in una massa gelatinosa che sedimenta sul fondo.

Birra-Meteoweek.com

Il marchio “Guinness” lo ha eliminato completamente dalla sua produzione negli ultimi anni così come anche molti altri produttori.

Dolciumi rossi

L’ingrediente principale contenuto in questi dolciumi si chiama ‘Carmine’. E’ un colorante alimentare estratto da alcuni insetti, la cocciniglia del carminio, che vengono schiacciati estraendo questo colore brillante. Sembra un pò disgustoso, ma è quello che le compagnie di caramelle di solito usano per realizzare quelle caramelle rosso brillante.

Dociumi rossi-Meteoweek.com

Secondo Wikipedia questo colorante viene usato per molti prodotti di pasticceria, ma anche in yogurt, gelatina e succhi di frutta. Carmine si trova anche in altri prodotti non dolciari come quelli cosmetici, a partire dagli ombretti, il blush e i rossetti.

Caramelle gommose

Vi siete mai chiesti come le tanto amate caramelle gommose facciano ad essere così lucide e brillanti? La risposta è ‘Shellac’, volgarmente chiamata gommalacca. Questo ingrediente come suggerisce il nome stesso si trova in molti prodotti cosmetici,come lacche, smalti e rossetti. E’ la gommalacca l’ingrediente principale anche per i prodotti usati per lucidare gli interni della propria auto. Ma da dove si ricava? Fagli escrementi di un insetto che popola la Thailandia. Questi piccoli animali hanno una vita di 6 mesi, in cui nascono, si riproducono, si alimentano e quindi scartano questo prodotto. (Continua)

funghi in scatola-Meteoweek.com

Funghi in scatola

Ma vi piacciono i vermi? Nel caso dei funghi in scatola, dovreste sapere che questi li contengono. Come spiega asiagofood si tratta di “larve di particolari insetti appartenenti all’ordine dei Ditteri che normalmente abitano i funghi porcini”. Puoi trovare fino a 20 di questi piccoli vermi in 100 grammi di funghi.

Pringles

In un articolo intitolato “La sconvolgente storia di come sono fatte le Pringles” il dottor Joseph Mercola spiega “per capire la natura delle Pringles e di altre patatine impilabili bisogna dimenticare il concetto che sono fatte da vere patate. Pringles Company nel tentativo di evitare di pagare le tasse sui cibi di lusso come le patatine nel Regno Unito una volta ha persino argomentato che il contenuto di patate nelle loro chips è talmente basso che tecnicamente non possono neanche essere chiamate patatine”.

Pringles-Meteoweek.com

Queste chips in commercio sarebbero dunque il frutto di una combinazione di prodotti diversi come il mais e alcuni aromi artificiali. Ma non è tutto. Il processo di formazione e disidratazione della verdura utilizzata eliminerebbe ogni valore nutrizionale, inoltre tutti i cibi fritti contengono una sostanza chimica chiamata acrilamide. Questa sostanza si forma durante il processo di cottura, ed è altamente cancerogena.

LEGGI ANCHE ——-> Abbronzatura naturale | come proteggere i capelli trattati dal sole

LEGGI ANCHE ——-> Abbronzatura naturale | Come alleviare gli arrossamenti solari

Speriamo di non avervi rovinato l’appetito, ma è sempre meglio fare le cose con una certa dose di consapevolezza.