Enzo Iacchetti gela l’ ex Maddalena Corvaglia: “Ero diventato il suo…”

Sono stati una coppia per ben 5 anni. La relazione tra Ezio Iachetti e Maddalena Corvaglia è terminata inaspettatamente nel 2005, scopriamo il perchè.

Iacchetti e Corvaglia: “ci eravamo tanto amati”

Sono passati diversi anni dalla rottura definitiva tra Enzo Iachetti e Maddalena Corvaglia. Quella trai due è stata una storia d’amore molto discussa e chiacchierata nel corso degli anni per molteplici motivi: dall’essere colleghi sullo stesso set televisivo, al gap anagrafico. Sta di fatto che, tra tanto chiacchiericcio, la coppia è stata insieme per ben 5 anni e la loro relazione è terminata inaspettatamente nel 2005. In una vecchia intervista Enzo Iacchetti aveva dettagliatamente spiegato i motivi della rottura. Il conduttore si era concesso alla penna dei giornalisti del Corriere della Sera, rivelando i dettagli di una rottura e confessando retroscena inaspettati.

Leggi anche ->Stefano De Martino sempre distratto | “Bisogna richiamarlo all’ordine”

Leggi anche ->Stefano De Martino e la rottura con Belen: la battuta a Made in Sud

“Ero diventato il suo papà”

Purtroppo è la verità: alla lunga il gap anagrafico può ledere alla coppia e eclissare i sentimenti e l’amore. O meglio, i sentimenti rimangono ma l’amore può offuscarsi. Proprio durante l’intervista concessa tempo fa al Corriere della Sera, Enzo Iacchetti aveva confessato a cuore aperto i motivi della separazione e ne aveva raccontato dettagli che non lasciano alcun dubbi: è stato il gap anagrafico a dividere le vite dei due noti personaggi televisivi. Enzo Iacchetti lo aveva lasciato intendere, e, senza filtri si era così espresso al quotidiano nazionale: Il nostro è stato un amore folle, poi ho capito che ero diventato suo papà. Dopo 6 anni ho cominciato a sgridarla per cose stupide. Lei mi chiedeva: “Andiamo in discoteca?”, io le rispondevo: “Ci ho passato la vita, ma a suonare, vai da sola”. Le prime notti dormivo, poi arrivava il sabato sera e mi angosciavo. “Perché non rientra?”,- mi chiedevo sveglio a letto. Erano le sei e lei rincasava felice, aveva appena mangiato la brioche“.