Migliaia a Londra per protesta contro il lockdown: “Bufala del governo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:56

Migliaia di persone stanno manifestando a Trafalgar Square a Londra contro il lockdown imposto dal governo nella lotta alla pandemia da coronavirus. “Una bufala del governo”, si legge sui cartelli dei manifestanti

. (Photo by Maja Hitij/Getty Images)

Migliaia di persone stanno manifestando a Trafalgar Square a Londra contro il lockdown imposto dal governo nella lotta alla pandemia da coronavirus. Le foto e i video pubblicati sui media mostrano i manifestanti protestare contro l’uso delle mascherine, i vaccini e il lockdown. Uno scenario che non convince la gente, arrabbiata e distante dai moniti di paura.

Secondo i dimostranti il Covid-19 è una bufala che consente ai governi di esercitare il controllo sulle masse. ‘Le mascherine sono museruole’, ‘Le persone sane non sono contagiose’, ‘Fermate questa bufala’, sono alcuni dei cartelli esposti dai manifestanti.

Proteste in varie parti d’Europa, a Berlino manifestazione sospesa

Il vento di protesta coinvolge varie parti d’Europa, tra cui anche la Germania. La polizia ha sospeso la protesta in corso a Berlino contro le misure anti-Covid per mancato rispetto delle regole sul distanziamento. La distanza minima non è rispettata dalla maggior parte (dei manifestanti) nonostante le ripetute richieste della polizia, riferiscono le forze dell’ordine. “Si tratta di motivi per i quali non c’è altra possibilità che quella di sciogliere il raduno”.

Leggi anche –> Due giovani si sfidano a “duello” per amore: uno finisce accoltellato in ospedale

Leggi anche –> Emergenza guanti negli ospedali della Lombardia tra scorte esaurite e forniture sospese

La manifestazione, alla quale prendono parte almeno 18mila persone, era stata autorizzata dopo una battaglia in tribunale. E la Merkel, in mattinata, ha rilasciato dichiarazioni che sembrano essere una vera e propria doccia fredda per i tedeschi. “Almeno finché non si troverà il vaccino, ha sottolineato, non sarà possibile tornare al “prima”. L’autunno e l’inverno saranno ancora difficili”, le parole della cancelliera. La cancelliera ha elencato come priorità l’esigenza di garantire una continuità alla vita economica del Paese, evitando il più possibile altri lockdown paralizzanti. E come ulteriore priorità, Merkel ha citato “la coesione della società”. E ha concluso. “Invito i cittadini a “restare vigili”.