Albano Carrisi la grande ribellione | La furia di Albano dopo la scomparsa di Ylenia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:58

Nel cuore di Albano Carrisi non si è mai rimarginata la ferita riguardante la scomparsa della figlia Ylenia, un qualcosa che per certi versi lui stesso non è riuscito a evitare quando la donna si trovava nella città di New Orleans.

Albano Carrisi la grande ribellione – meteoweek

Lo stesso Albano ha spesso parlato di un vortice nero attorno a Ylenia, come se fosse riuscito a cogliere i segnali che qualcosa nella vita della figlia non andava per il verso giusto, ma tutto poi svanisce nel nulla insieme alla giovane… il racconto di una vita forse trascinata davvero via dalle acque del Mississippi.

Albano ha chiesto e ottenuto la dichiarazione di morte presunta di Ylenia nel 2014, ma il grande dolore per la figlia l’ha spinto a mettere anche in discussione la sua fede in Dio.

Albano Carrisi – meteoweek

“Era una forma di ribellione”

Albano Carrisi in occasione di varie interviste ha avuto modo di spiegare come per lui il rapporto con la fede, e quindi la preghiera, sia sempre stato davvero importante e quindi un modo per rimanere unito alla terra, e anche alla vita come la madre gli aveva insegnato fin da bambino.

Allo stesso modo, quando la figlia Ylenia è scomparsa ecco che tale rapporto comincia quasi inevitabilmente a vacillare come anche Albano ha ammesso al settimanale Gente: “C’è stato un periodo in cui per cosiddetti ovvi motivi me ne ero un po’ allontanato, ma forse non era distacco era forma di ribellione, di rabbia”.

Famiglia Carrisi – meteoweek

La fede secondo Albano Carrisi

Negli anni successivi Albano Carrisi, dunque, ha trovato il modo di ricongiungersi con la fede, dove poi ha trovato davvero il conforto di cui aveva bisogno.

Leggi anche -> Romina Power il messaggio per Ylenia | Il suo cuore le parla ancora

Leggi anche -> Albano Carrisi sfida senza precedenti | Ricordi importanti con suo padre Carmelo

Albano Carrisi – meteoweek

Questo, dunque, è quello che si intende dalle dichiarazioni che Albano ha rilasciato sempre alla rivista di Gente: “Senza fede vivevo però male, mi sentivo smarrito. Ho anche capito che stavo sbagliando: anche il buon Dio ha sacrificato il figlio sulla croce, chi ero io per avere una vita soltanto facile e privilegiata? Mi sono ravvicinato in modo graduale e ora posso dire che avere un rapporto saldo con Dio ridimensiona i problemi che quotidianamente arrivano. La fede è una fontana d’acqua fresca in pieno deserto”.