Home Gossip Amici, vi ricordate di Silvia Olari? Ecco com’è diventata

Amici, vi ricordate di Silvia Olari? Ecco com’è diventata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:53
CONDIVIDI

Tra i numerosi ragazzi che hanno preso parte ad Amici di Maria De Filippi, ricordiamo facilmente la cantante Silvia Olari.

Silvia ha condiviso i banchi della scuola d’arte più famosa d’Italia con Valerio Scanu e Alessandra Amoroso, che hanno poi avuto una bella carriera nell’ambito musicale.

Ma che fine ha fatto Silvia Olari? Vediamo com’è diventata e cosa fa oggi.

Un futuro fuori dall’Italia

Con la fine della trasmissione andata in onda nel 2008, la giovane cantante non ha avuto la stessa fortuna dei suoi compagni nel panorama musicale. Silvia decise così di percorrere nuove strade, anche fuori dall’Italia per poter realizzare i suoi sogni.

In un’intervista a OptimaMagazine, la Olari ha rivelato di aver avuto qualche piccola dose di fortuna in più a Londra, dove si è esibita in molti locali, ma anche in altri luoghi esteri.

“Così per gioco, ho inviato una mia registrazione di ‘If I ain’t got you’ e da lì ho iniziato a collaborare con questo nuovo team“, dice Silvia Olari in merito a queste esperienze da lei realizzate, “facendo avanti e dietro da Stoccolma. Una lunga fase di realizzazione, durata all’incirca due anni, un’esperienza che mi ha forgiato totalmente, sia a livello umano che artistico“.

Come ricorda oggi l’esperienza di Amici?

In merito all’esperienza di molti anni fa tra i banchi della scuola di Amici, la cantante rivela: “Sì, mi sono sentita un po’ penalizzata. Non essendo stata la vincitrice ho fatto da subito più fatica del previsto, non tanto a livello di pubblico perché avevo tantissime persone che mi seguivano, quanto a livello di visibilità e pubblicità“.

Poi continua: “Quanto esci dal programma spesso si pensa ‘si chiude una porta, si apre un portone’, ma spesso non è così facile“.

Leggi anche -> Amici, Francesca Tocca e Valentin: perché si sono lasciati

Leggi anche -> Amici, che fine ha fatto Ivan D’Andrea? Eccolo oggi

“Investire sui cantautori è meno conveniente per autori e discografici“, dice poi Silvia, “per un interprete basta avere un prodotto buono, già pronto, già scritto da qualcuno magari già importante e affermato, ed è tutto più veloce. Io nasco come interprete, lo sono ancora adesso“.

Non ci resta che augurare alla giovane cantante di proseguire su questa strada e di continuare ad acquisire quella maturità artistica che è già abbondantemente sua.