Coronavirus: stanziati 54 milioni di euro per le terapie intensive mobili

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:19

Al via il bando dell’ufficio dell’alto commissario per l’emergenza Covid per acquisire 4 strutture da 300 posti da spostare dove servono.

promosso il bando per avere terapie intensive mobili da spostare in tutta italia
terapia intensiva. meteoweek.com

In seguito all’impennata dei contagiati covid registrati da giugno ad oggi e dovuti in larga parte alla riapertura delle frontiere, il governo cerca di correre ai ripari. L’esecutivo non si può permettere una seconda ondata di coronavirus che torni a saturare le terapie intensive del sistema sanitario nazionale, come già accaduto ieri a Cagliari, dove gli otto posti dell’ospedale Covid sono tutti occupati.

LEGGI ANCHE – 1434 nuovi contagi, 14 morti: il bollettino Covid del 9 settembre

LEGGI ANCHE – Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis positivo al Covid

Il bando

Ma in che modo? Attraverso un piano di riorganizzazione della rete ospedaliera che prevede di avere a disposizione terapie intensive mobili da poter spostare da una parte all’altra d’Italia. Nello specifico saranno quattro le strutture mobili da 75 posti ciascuna, dunque 300 in tutto, per una spesa complessiva di 54 milioni di euro. E’ quanto previsto dal bando pubblicato dall’ufficio dell’alto commissario per l’emergenza coronavirus, Domenico Arcuri. Strutture chiavi in mano complete di tutti gli arredi, gli ambienti e le attrezzature medicali ed impiantistiche. Il termine per le manifestazioni di interesse da parte di operatori economici è già scaduto: gli operatori oltre a fornire chiavi in mano la struttura mobile, dovranno garantirne il trasporto, il montaggio, lo smontaggio, il servizio di manutenzione.

LEGGI ANCHE – Coronavirus, l’Oms avverte: il vaccino non arriverà a tutti prima del 2022

LEGGI ANCHE – Coronavirus, Roma: chiuso il Sanctuary. Nessuna distanza e poche mascherine

Le terapie intensive

Attualmente in Italia i posti fissi di terapia intensiva negli ospedali hanno superato quota 6500, l’obiettivo è quello di portarlo a 8500 nei prossimi due mesi. Un numero che, al momento, rende prospettive serene a fronte dei 150 pazienti Covid ricoverati, numero in costante (seppur piccola) crescita da sei settimane.