Principe Carlo, il vizietto che imbarazza la corte: “Lui e Camilla…”

Recentemente sono emersi dei particolari, decisamente poco lusinghieri, riguardanti il Principe Carlo e la sua quotidianità.

Le strane richieste giornaliere del Principe Carlo

I particolari sarebbero emersi grazie al libro “Not in Front of the Corgis: Secrets of Life Behind the Royal Curtains” scritto da Brian Hoey, autore inglese che già in passato ha dedicato altri scritti al mondo della famiglia reale.

Secondo quanto riportato dall’autore il Principe Carlo quotidianamente farebbe delle richieste bizzarre ai domestici, tanto da essere definito come il più viziato della famiglia.

Sicuramente tra le richieste più strambe quella di stirare giornalmente le stringhe delle proprie scarpe e il suo pigiama. Ma non finisce qui, infatti sembrerebbe che il Principe del Galles abbia esplicitamente richiesto che i suoi vestiti e quelli della moglie Camilla non vengano lavati in lavatrice ma a mano per evitare che si sciupino.

LEGGI ANCHE—>https://www.meteoweek.com/2020/09/15/che-fine-ha-fatto-brice-martinet-dopo-lisola-dei-famosi-eccolo-oggi/

LEGGI ANCHE—>https://www.meteoweek.com/2020/09/15/trono-over-gemma-galgani-sfuriata-di-gelosia-la-dama-non-se-ne-fa-una-ragione/

Il Principe Carlo non sa badare a se stesso

L’elenco non finisce qui e per quanto già siano emerse delle richieste particolari, l’aspetto  che più colpisce e che secondo quanto sottolineato dalle fonti, il Principe Carlo non sia in grado di badare a se stesso, avendo la necessità di essere supportato dai domestici anche per i piccoli gesti.

Il Principe Carlo non si sarebbe mai vestito da solo ma sempre supportato da tre camerieri, di cui uno addetto alle varie cravatte che poi il reale cambia in base degli impegni.

Inoltre la routine mattutina sembra essere un parte fondamentale della sua giornata tanto che, il Principe avrebbe anche a sua disposizione un addetto per spremere la giusta quantità di dentifricio per lui. Appena sveglio richiederebbe che la vasca sia già pronta per il suo bagno, che il tappo sia messo in una posizione ben precisa, che la vasca sia riempita solo a metà e che l’acqua sia appena tiepida.

Concluso il suo bagno, l’asciugamano è già pronto perché lui si sieda e lo avvolga su se stesso. Anche l’armadio del reale sembra essere organizzato nei minimi dettagli, secondo le sue richieste.

L’attività nel sociale

Il Principe del Galles, figlio di Elisabetta II e di Filippo duca di Edimburgo è erede al trono britannico dal 6 febbraio 1952 ed è considerato l’erede più longevo della storia della Gran Bretagna.

Nel corso della sua carriera istituzionale, Carlo ha dedicato molto tempo al mondo del sociale, fondando 15 organizzazioni caritatevoli di cui è tuttora presidente. Tutte queste realtà sono riunite sotto The Prince’s Charities, che è stata definita come la più grande impresa multi-causa caritatevole del Regno Unito, che ogni anno devolve 100milioni di sterline in beneficenza.

Nonostante il Principe Carlo sia definito come non in grado di sopravvivere da solo, a causa delle sue strane richieste, sicuramente non si può dire che non impieghi parte del suo tempo in maniera ammirevole.