Home Politica Von der Leyen: «Il 37% del Recovery Fund andrà alla lotta al...

Von der Leyen: «Il 37% del Recovery Fund andrà alla lotta al cambiamento climatico»

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:27
CONDIVIDI

La presidente della Commissione nel primo discorso a Bruxelles sullo stato dell’Unione: “Con Conte presto un vertice sulla sanità”. Progetti ambiziosi anche per la green economy e per il digitale.

Von der Leyen: «Il 37% del Recovery Fund andrà alla lotta al cambiamento climatico»

“Il popolo europeo sta ancora soffrendo, è un periodo di ansia, sono preoccupati di come sbarcare il lunario, la pandemia e l’incertezza non sono ancora superati e la ripresa è ancora in fase iniziale. La nostra priorità è superare questa fase e l’Europa può farlo”. Queste le parole del presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen, nel suo primo discorso sullo stato della UE all’Eurocamera a Bruxelles. Sempre a proposito dell’emergenza sanitaria la presidente della Commissione ha sottolineato che “è necessario costruire un’unione della sanità“. “Col presidente del consiglio Giuseppe Conte e la  presidenza italiana del G20, ha poi spiegato von der Leyen, organizzeremo un vertice globale sulla sanità, in Italia, per dimostrare che l’Europa c’è per proteggere i cittadini”.

LEGGI ANCHE – Coronavirus: ecco come l’Italia viene screditata dall’Europa

LEGGI ANCHE – Von der Leyen al Parlamento Ue: crisi più dura di dieci anni fa, serve lavorare insieme

Lavorare insieme per costruire nuove strategie

Nel suo ampio discorso a Bruxelles, la Von der Leyen, sottolinea come l’europa debba continuare a proteggere le vite poiché la pandemia non sta finendo e che occorre agire con responsabilità e prudenza. Così come affronta l’annosa questione del salario minimo: “tutti nell’UE devono avere salari minimi, il dumping salariale distrugge la dignità del lavoro e penalizza gli imprenditori e distorce la concorrenza del mercato interno”. Per dare credito a questo, la Commissione avanzerà una proposta normativa per sostenere gli stati membri e istituire un quadro sui salari minimi. Circa il sostegno alle finanze, la presidente, rende noto che c’è in ballo una nuova strategia per Schengen, così da rafforzare il mercato interno dell’Europa, colpito duramente dagli effetti negativi prodotti dalla pandemia, con il Pil in calo del 12%.

LEGGI ANCHE – Mea culpa von der Leyen: “Dobbiamo delle scuse all’Italia”

LEGGI ANCHE – L’allarme di De Bolle: le mafie puntano ai finanziamenti del Recovery Fund

L’economia verde e l’economia digitale

Von der Leyen ha parlato anche del Next Generation Eu, il programma che istituisce il Recovery Fund ed annuncia che ben il 37% di quei fondi sarà speso per gli obiettivi del Green Deal che, sottolinea, comporta molto di più che un taglio di emissioni: si tratta infatti di creare un mondo più forte in cui vivere. “Dobbiamo cambiare il modo in cui trattiamo la natura”, prosegue la presidente. Una quota molto significativa, ha poi ricordato, sarà destinata al digitale. “Non c’è mai stato un momento migliore per investire nell’industria tecnologica europea. Il 20% di Next Generation Eu (Recovery Fund) sarà investito sul digitale”, ha detto, annunciando anche la creazione di  un “cloud europeo” per la conservazione dei dati, “nel quadro di GaiaX”, spiegando di puntare sullo “sviluppo di 5G, 6G e fibra di vetro”, per raggiungere la “sovranità digitale dell’Europa” e stabilire “un’identità digitale europea sicura”.