Trump-Cina, ancora scontro. Il presidente americano muove nuove accuse

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:15

Trump si rivolge all’Onu ed accusa nuovamente la Cina: “Quello che è avvenuto ad inizio pandemia sui voli è grave. Cina tenne confini aperti per infettare il mondo. E fecero dichiarazioni false”

Il presidente americano Trump accusa nuovamente la Cina – meteoweek.com

 

“Nei primi giorni del virus, la Cina bloccò i voli interni, mentre permetteva ai voli di lasciare la Cina ed infettare il mondo”. E’ questa la dura accusa rivolta da Donald Trump a Pechino nel discorso all’Assemblea generale dell’Onu, secondo le anticipazioni diffuse dalla Casa Bianca. Nuove accuse, che però sembrano ricalcare quelle dei mesi passati.

“Il governo cinese e l’Organizzazione mondiale per la Sanità, che è virtualmente controllata dalla Cina, dichiararono in modo falso che non vi erano prove delle trasmissione da uomo a uomo”, prosegue il discorso di Trump che, come tutti i leader internazionali, ha inviato un video messaggio all’Assemblea. “In seguito hanno detto, sempre in modo falso, che le persone senza sintomi non avrebbero diffuso la malattia“, afferma ancora Trump puntando il dito contro Pechino e l’Oms.

“Distruggeremo questo virus e metteremo fine alla pandemia”

“Settantacinque anni dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale e la fondazione dell’Onu, ci troviamo ancora una volta impegnati in una battaglia globale. Negli Stati Uniti abbiamo lanciato la mobilitazione più aggressiva dalla Seconda Guerra Mondiale”, ha proseguito il presidente Usa rivendicando i progressi fatti sul fronte della costruzione dei ventilatori polmonari, delle cure, e dei vaccini, tre dei quali “arrivati alle fasi finali della sperimentazione”, mentre già se ne stanno producendo milioni di dosi. “Distribuiremo un vaccino – ha aggiunto Trump, mettendo ancora nel mirino Pechino – mettendo fine finalmente a questa dolorosa pandemia. Ciò che ci attenderà sarà un periodo di prosperità per tutti”.

Leggi anche –> Misteriosa esplosione nel sud del Libano, in un’area controllata da Hezbollah

Leggi anche –> Nuovo stadio della Roma, un consigliere inchioda Virginia Raggi

Non si è fatta attendere la replica da Pechino, seppur con toni meno accesi. “La pandemia va affrontata insieme, uniti, e seguendo la scienza. Ogni tentativo di politicizzare o stigmatizzare la pandemia deve essere respinto”. Lo ha detto il presidente cinese Xi Jinping all’assemblea generale dell’Onu, in un video pre-registrato.