Trump positivo al Covid, a rischio la campagna elettorale contro Biden

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:41

Dopo la positività al Covid e la situazione d’emergenza del Paese, gli strateghi e persino gli assistenti di alto livello del presidente americano Donald Trump hanno riferito che si prospetterà un duro giudizio da parte degli elettori. A rischio, allora, la campagna elettorale.

trump campagna elettorale a rischio
Trump, campagna elettorale a rischio – foto via New York Times

Sopraggiunta oggi la notizia che sia il presidente americano Donald Trump e che Melania Trump sono risultati positivi al Covid-19. Ad annunciarlo era stato il medico del presidente USA, Sean Conley, che ha riferito come il “presidente e la First lady hanno contratto il coronavirus, ma stanno bene”. E sebbene abbia anche sottolineato che, per questo, Trump continuerà i propri impegni “senza interruzioni”, arriva già la prima conferma di annullamento degli incontri in programma per oggi.

Trump avrebbe infatti dovuto partecipare a una raccolta fondi privata al Trump International Hotel di Washington e, successivamente, a una manifestazione elettorale in Florida. Ma non si presenterà. In programma vi sarebbe anche una teleconferenza con alcuni “anziani vulnerabili” al coronavirus, un appuntamento che è stato mantenuto. Con i suo 74 anni di età, del resto, anche il presidente è una categoria a rischio.

Il Coronavirus mina la campagna elettorale di Trump

Ma oltre a minare le sue condizioni di salute, il New York Times spiega che il Covid-19 sta affossando seriamente anche la sua campagna elettorale contro l’ex vicepresidente Joseph Biden. Le elezioni si terranno il 3 novembre, e anche nel caso il presidente dovesse rimanere asintomatico gli sarà necessario rimanere in quarantena, isolato all’interno della Casa Bianca per un periodo di tempo ancora indeterminato. Ma il contagio da coronavirus ha effetti negativi sulla sua campagna anche per via della posizione poltica che lo stesso Trump aveva tenuto fino a questo momento. Sono mesi, infatti, che il presidente USA sminuisce la gravità della pandemia, mentendo in dubbio le risposte e le strategie avanzate da esperti e scienziati. Durante gli ultimi comizi continuava a ripetere che l’epidemia era in fase di retrocessione, che è “sotto controllo”, che il Paese sta finalmente “girando l’angolo”.

Hope Hicks
Hope Hicks, foto via Forbes

Durante il dibattito contro Biden, Trump ha persino ironizzato sull’uso della mascherina del suo avversario. “Se la mette sempre”, e ancora “ne indossa di enormi, mai viste così grandi”. Ma se anche Trump avesse indossato la mascherina sull’Air Force One, avrebbe sicuramente avuto meno possibilità di contrarre l’infezione da Hope Hicks. La consigliera, riportano le fonti, era infatti “molto contagiosa” mercoledì scorso, quando ha viaggiato con il presidente e altri colleghi per andare in Minnesota. E poche ore dopo è risultata positiva al test. Hicks ha accompagnato Trump anche al dibattito a Cleveland, ed è poi salita anche sul Marine One (l’elicottero presidenziale) insieme a Jared Kushner, Dan Scavino e Nicholas Luna: tutti, ovviamente, senza mascherina.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE


Un tragico scherzo del destino, soprattutto quando sono ormai tantissimi gli americani che puntanto il dito contro il presidente e la sua mala gestione della pandemia negli Stati Uniti. Mentre ora, anche lo sfidante democratico “deve immediatamente essere testato”, dopo aver preso parte a quell’impietoso dibattito tv con Donald Trump. Come spiegato alla Cnn dal dottore Sanjay Gupta, “come sapete bene si può essere contagiosi o molto contagiosi anche prima di sviluppare i sintomi. È la cosiddetta fase asintomatica”. E nessuno può escludere che il presidente non sia risultato già infetto durante il faccia a faccia con Biden.

Inoltre, pare che la notizia della positività del presidente USA abbia persino peggiorato l’andamento dei mercati: negativa oggi la borsa, con il forte il sell off sui contratti WTI (ceduto quasi il 3% a 37,60 dollari circa) e Brent (-2,52% a 39,89 dollari). E il dollaro nel frattempo scivola di quasi mezzo punto percentuale sullo yen.