Papa: polemiche alla firma dell’enciclica ‘fratelli tutti’

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:20

”Sono democristiano, berlusconiano e più di destra che di sinistra. E sono dalla parte di Papa Francesco senza se e senza ma. La vogliamo finire con la favola del Papa comunista solo perché ci spiega il Vangelo senza sconti?”, così esordisce Gianfranco Rotondi dopo la firma dell’Enciclica “Fratelli tutti”.

meteoweek
Papa Francesco celebra la Santa Messa e firma dell’Enciclica “Fratelli tutti” 

Con un post su Twitter Gianfranco Rotondi torna sulle polemiche seguite, soprattutto a destra, alla firma dell’enciclica ‘fratelli tutti’ , che sarà analizzata assieme alla ‘laudato sì’ nel seminario della fondazione Dc programmato da venerdì prossimo a Saint Vincent e al quale prenderanno parte vari esponenti politici, tra cui Gelmini e Bernini, Crosetto, Molinari, Rosato,De Michele,Conte,Berlusconi. Intanto il Papa ragiona sui migranti all’interno di un’opera in cui ribadisce la ferma contrarietà al sovranismo, al neo-liberalismo ed alle forme assolute di capitalismo. Forse è sembrata una tesi originale alla chiesa cattolica. “Il sovranismo, in termini ideologici, è etichettabile ad avversario della “cattiva” distribuzione delle risorse mondiali, ma questo è un altro discorso. “Esprimo gratitudine al Santo Padre per il dono della Lettera Enciclica Fratelli tutti sulla fraternità e l’amicizia sociale. In questo tempo inedito a causa della pandemia, l’insegnamento di papa Francesco continua a tracciare una strada ben precisa e percorribile da tutti gli uomini di buona volontà”. E’ quanto afferma il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente delle Cei. La nuova Enciclica s’inserisce, infatti nel solco di una riflessione già enunciata fin dall’inizio del Pontificato e progressivamente declinata in gesti e parole in questi anni. Si percepiscono i cambiamenti della Chiesa: da una parte, l’annuncio di Dio Amore e Misericordia e, dall’altra, perché non resti verità astratta, la necessità del ‘prendersi cura’ non solo gli uni degli altri, ma di Dio, del creato e di se stessi.In particolare si persegue un percorso: quello in cui la verità cammini di pari passo con la Giustizia e la Misericordia. Recita il Salmo: “Amore e verità s’incontreranno, giustizia e pace si baceranno’ (Sal 85,11)”.


LEGGI ANCHE:

Papa Francesco: accorciare le distanze, non erigere muri

meteoweek

Secondo Bassetti, “come è caratteristica del suo magistero, che cerca di leggere e interpretare i segni dei tempi, papa Francesco propone un metodo: ascolto e dialogo. Con tutti! Ma prima di tutto bisogna guardare alla realtà del nostro tempo. ‘La realtà è più importante dell’idea’. Significa accorciare le distanze e non erigere muri. “Da qui l’invito alla gentilezza e il richiamo a una nuova cultura dell’incontro, dove tutti sono invitati a collaborare”. “È l’insegnamento del Concilio Vaticano II che si apre a una riflessione matura , commenta il presidente della Cei. Nei prossimi mesi l’Episcopato italiano rifletterà sulla realtà che abitiamo per accompagnare l’annuncio e seguirne le linee guida. Si legge nell’Enciclica: “La Chiesa […] con la potenza del Risorto, vuole partorire un mondo nuovo, dove tutti siamo fratelli, dove ci sia posto per ogni scartato delle nostre società, dove risplendano la giustizia e la pace’ (n. 278). Un orizzonte che apre il cammino!”. Intanto si Papa Francesco ha deciso di stipulare una nuova commissione: all’articolo 4, paragrafo 2, la normativa spiega che: “Un Comitato di controllo nominato dalla Superiore Autorità vigila sui Contratti di cui al precedente paragrafo 1 lettera d)”. Si tratta quindi, in particolare, “dei contratti stipulati direttamente dalla Segreteria di Stato e dal Governatorato, per quanto di competenza, e che abbiano almeno una delle seguenti caratteristiche: siano necessari per adempiere gli obblighi internazionali, qualora lo stesso strumento detti direttamente le regole per aggiudicare gli appalti. La Cura Vigilantissima attenga all’Ufficio e alla sicurezza del Romano Pontefice, della Santa Sede e della Chiesa Universale ovvero siano necessari o funzionali ad assicurare la missione della Chiesa nel mondo e garantire la sovranità e l’indipendenza della Santa Sede o dello Stato della Città del Vaticano”. I cinque membri della nuova Commissione nominati da papa Francesco sono rispettivamente: il presidente card. Kevin Farrell, il segretario arcivescovo Filippo Iannone, mons. Fernando Vérgez Alzaga, mons. Nunzio Galantino, presidente dell’Amministrazione del Patrimonio della Sede apostolica (Apsa) e padre Juan Antonio Guerrero Alves, prefetto della Segreteria per l’Economia.