Ciro Migliore, il compagno della ragazza uccisa a Caivano: “Noi come Romeo e Giulietta”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:24

Ciro Migliore, ospite della trasmissione Cartabianca, condotta da Bianca Berlinguer, su Rai Tre, ha parlato della sua storia d’amore con Maria Paola Gaglione, e dell’incidente causato dal fratello di lei, Michele Antonio, che è costato la vita alla ragazza.

Ciro Migliore e la sua storia d’amore con Maria Paola Gaglione

Negli studi di Cartabianca, su Rai Tre, ospite di Bianca Berlinguer, Ciro Migliore ha raccontato i giorni del suo primo incontro con Maria Paola Gaglione. La nascita e la crescita del loro amore e dell’odio che provava la famiglia di lei che non approvava la loro relazione. Fino al tragico 11 settembre scorso, quando Michele Antonio, fratello di Maria Paola Gaglione, li ha inseguiti e speronati con la sua auto. L’incidente è costato la vita a Maria Paola.

Ha raccontato Ciro: “E’ partito tutto con un’amicizia, poi pian piano ci siamo innamorati. Ce ne siamo accorti quando i genitori di lei ci hanno separato per un mese, era più di una mancanza da amicizia, era amore. Dopo che Paola ha riavuto il suo cellulare abbiamo ripreso a sentirci, e ogni notte ci chiamavamo e ci addormentavamo al telefono”.

Leggi anche —-> Miss Claudia Ruggeri presenta le sorelle: trio di bellezze | La foto

Leggi anche —-> Wanda Nara, la foto della buonanotte è bollente: reggiseno a strisce, si vede tutto

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

La famiglia Gaglione da sempre contro Ciro

Ciro Migliore ha raccontato che, prima del giorno dell’incidente, la famiglia Gaglione lo aveva più volte minacciato: “Io sono stato minacciato sia dal padre che dalla madre di Paola, mi dicevano che dovevo lasciar stare la figlia, non volevano perché ci consideravano lesbiche. Noi abbiamo comunque continuato a frequentarci. Ogni giorno passavo sotto la sua finestra per vederla, eravamo come Giulietta e Romeo“.

ciro migliore
ciro migliore

Poi il tragico raccontato di quegli istanti: “Stavamo tornando ad Acerra quando il fratello di Paola ci ha seguito urlandomi di fermarmi e spingendomi con il piede, ma io non mi sono fermato e sono scappato. Lui è rimasto dietro di noi e alla fine ci ha buttato giù. Quando stavo andando a vedere come stesse Paola, suo fratello mi ha tirato da dietro e mi ha picchiato, poi vedendo la sorella è andato da lei”. Ma purtroppo per la ragazza è stato inutile l’arrivo dei soccorsi. Aveva soltanto 22 anni.