Qui era solo un bimbo, oggi è uno dei cantanti italiani più amati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:39

Vasco Rossi è ormai uno dei cantanti più amati e seguiti nel panorama musicale italiano, nel corso della sua carriera ha registrato molti successi e venduto milioni di dischi. Ma come era da bambino?

I successi di Vasco

Vasco Rossi è uno dei cantanti più amati dal pubblico italiano. Ha milioni di fan in tutta Italia e anche nel mondo, questo gli ha permesso di diventare un’icona della musica, raggiungere grandi successi e vendere 40 milioni di dischi. La sua carriera è iniziata nel 1977 e da allora ha realizzato 33 album e 181 canzoni oltre ad aver scritto testi e musiche anche per altri interpreti. Il suo è stato un percorso controverso, caratterizzato da momenti di successo ma anche da momenti bui a causa di uno stile di vita sregolato fatto di droghe e alcool. Il suo percorso gli ha anche permesso di raggiungere degli importanti riconoscimenti come: la Targa Tenco nel 1998 per l’album Canzoni per me, il Premio Lucrezia come Poeta Rock nel 1999, il Nasto D’argento per la migliore canzone originale Un Senso e una laurea ad honoris in Scienze della comunicazione conferitagli dalla IULM di Milano nel 2005.

LEGGI ANCHE—>https://www.meteoweek.com/2020/10/07/elisabetta-gregoraci-cosi-briatore-sposarlo/

LEGGI ANCHE—>https://www.meteoweek.com/2020/03/06/il-figlio-di-britney-spears-contro-il-padre-della-popstar-mio-nonno-puo-anche-morire/

L’infanzia di Vasco Rossi

Vasco Rossi nasce a Zocca, in provincia di Modena il 7 febbraio del 1952. Figlio unico trascorre un’infanzia serena principalmente caratterizzata dall’affetto della famiglia. Il padre, camionista, per lavoro si trasferisce con la famiglia a Siniscola un comune in provincia di Nuoro nella costa orientale della Sardegna, dove Vasco vive per circa due anni. Fin da piccolo mostra passione per il mondo della musica, probabilmente su influenza della madre che a sua volta è amante di questa realtà. Infatti Vasco viene iscritto dai genitori a lezioni di canto dal maestro Bononcini. A 13 anni, il suo talento viene subito premiato con la vittoria dell’Usignolo D’oro, manifestazione canora modenese, con il brano Come nelle fiabe. Successivamente comincia a far parte dei primi gruppi musicali, che caratterizzeranno la sua adolescenza. Il primo è un quintetto chiamato Killer, nome poi cambiato in Little Boys.