Alberto Matano riprende Baldini dopo la gaffe: gelo in studio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:51

Nel corso dell’ultima puntata de La vita in diretta, Marco Baldini si è reso protagonista di una gaffe che non è passata inosservata. Ecco cosa è successo.

Alberto Matano e Marco Baldini – Fonte: Facebook

La gaffe di Marco Baldini

Tiziano Ferro ha ammesso di aver vissuto dei momenti difficili a causa della dipendenza dell’alcol e di tale argomento si è parlato nel corso dell’ultima puntata de La vita in diretta. Presente in studio anche Marco Baldini, ex spalla storica di Fiorello, che ha fatto un commento che non è passato inosservato: “Adesso capisco cose voleva dire con Rosso Relativo!“.

Parole che non sono passate inosservate, con Alberto Matano che ha replicato: “Cosa vuol dire scusa. Non ho colto, non l’ho capita“. A quel punto Baldini, accortosi della gaffe, ha affermato: “Mi sono permesso di fare una battuta perché io stesso ho avuto una dipendenza e so cosa significa quello che ha passato Tiziano. Ho sdrammatizzato”.

Marco Baldini – Fonte: Facebook

Le parole di Tiziano Ferro

Nel corso di unna recente intervista rilasciata all’inserto Sette del Corriere della Sera, Tiziano Ferro ha dichiarato: “Bevevo quasi sempre da solo, l’alcol mi dava la forza di non pensare al dolore e alla tristezza, ma mi portava a voler morire sempre più spesso”.

Per poi aggiungere: “Una sera la band mi convinse a bere. E da lì non mi sono fermato più […] L’alcolismo ti guarda appassire in solitudine, mentre sorridi di fronte a tutti”.

LEGGI ANCHE –> Avete mai visto il fratello di Tiziano Ferro? Sono identici [FOTO]

LEGGI ANCHE –> Sanremo 2020, il marito di Tiziano Ferro commenta il bacio con Fiorello

Parlando del suo periodo buoi ha racconto: “Alcolista, bulimico, gay, depresso, famoso. Pure questo, famoso, mi sembrava un difetto, forse il peggiore”.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

“Non sono mai stato il primo della classe, ero anonimo, non bello, per niente atletico, anzi grasso, timido, i ragazzi mi chiamavano ciccione, femminuccia, sfigato. Aspettavo che qualcuno intervenisse per difendermi, ma non succedeva mai. Vivevo perennemente frustrato, incazzato e anche umiliato. Poi ho cantato per la prima volta e il mondo è cambiato“.

Tiziano Ferro – Fonte: Facebook