Coronavirus, De Luca chiude scuole materne e nidi: forti ritardi del governo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:16

Coronavirus, De Luca chiude scuole materne e nidi: forti ritardi del governo. Da lunedì 2 fino al 14 novembre

Vincenzo De Luca (GettyImages)

A partire dal 2 novembre e fino al prossimo 14 novembre, il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha deciso di chiudere le scuole materne e gli asili nido. Con quest’ordinanza De Luca proroga la sospensione delle attività didattiche in presenza per scuole materne e i nidi, tranne per le attività destinate ad alunni con disturbi autistico e/o diversamente abili, per cui è richiesta attività svolta in presenza. Tutto ciò  sarà consentito se vi saranno le condizioni per farlo.

Confermata anche la sospensione delle attività didattiche  in presenza nelle Università, tranne per gli studenti del primo anno, se già programmate in presenza dall’Ateneo di competenza.

Leggi anche:—>Minacciò Salvini sui social, antagonista gli regala libro e si scusa

Leggi anche:—>Richiamo alimentare: trovato ossido di etilene nei semi di sesamo

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

De Luca contro Azzolina e governo:”Stanno perdendo tempo prezioso”

Vincenzo De Luca

Il governo sta perdendo tempo prezioso. Ecco il mio rilievo al governo: ha accumulato un fortissimo ritardo nelle decisioni. E ha preso decisioni con la logica del mezzo/mezzo, che scontenta tutti e non risolve il problema. Una sottovalutazione della grave della situazione. Non si può ascoltare un ministro dell’istruzione che continua a dire a pappagallo “dobbiamo tenere aperte le scuole”. Ma come si fa a ripetere frasi fatte. Oggi la situazione si è aggravata anche per i ritardi del governo”, ha spiegato De Luca nel corso di una diretta Facebook. “C’è una sottovalutazione grave della pesantezza dell’epidemia oggi e quindi tempi di decisione incompatibili con la gravità dell’epidemia, sta perdendo tempo prezioso“.

E sull’ipotesi di un lockdown per Napoli e Milano, De Luca avvisa:”Nessuno si permetta di immaginare misure mezze mezze, per il livello di gravità del contagio le uniche misure non solo serie ma efficaci sono misure di carattere nazionali. Il resto è tempo perso ci sono regioni nelle quali le percentuali sono enormemente superiori a Napoli. Nessuno dica oggi stupidaggini, le uniche misure sono di carattere nazionale, il resto sono cose intollerabili”.