Vasco Rossi, la confessione choc: “Tre malattie mortali, in coma 4 volte”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:15

Una lunga lettera, inviata da Vasco Rossi a Cesare Cremonini, oggi in versione speciale direttore artistico di Vanity Fair, in cui il rocker parla della lunga carriera, degli eccessi e della situazione attuale. Tutta da leggere.

Vasco Rossi: “Sopravvivrò anche a questo”

Il numero della rivista Vanity Fair, in edicola da oggi 18 novembre, è stato curato da un direttore artistico d’eccezione, il cantante Cesare Cremonini. L’artista bolognese ha chiesto al collega Vasco Rossi di spiegare in una lettera il significato del termine vivere e, in relazione ai tempi difficili che stiamo vivendo, cosa significhi per lui sopravvivere. Il rocker di Zocca non si è fatto certo pregare e, in una lunga missiva, ha parlato della situazione attuale della pandemia, ma anche della sua lunga carriera e di tutte le volte in cui p stato a quasi un passo dalla fine.

Ha spiegato Vasco Rossi: “È veramente un brutto periodo. Per tutti. Una catastrofe planetaria che nessuno avrebbe potuto immaginare, sarebbe stato peggio solo… se ci avesse colpiti un meteorite!”. E ancora: “Sono sopravvissuto alla ‘noia’. Vivendo a Zocca sapevo che da lì bisognava partire perché se sei in pensione ci stai benissimo, ma a 20 anni non c’è niente da fare. Il mio treno si è chiamato ‘Punto Radio’, una delle prime radio pirata o libere”.

Leggi anche —->Vasco Rossi: “La sua scomparsa mi scatenò la rabbia”

Vasco Rossi: “Gli anni ’70 e ’80”

Il cantante inizia a ripercorrere la sua carriera e a ricordare tutte le volte in cui ha rischiato: “Sono sopravvissuto agli anni ’70. Quando c’erano gli anni di piombo, le Brigate rosse, Lotta Continua e Potere Operaio”.

“Gli anni ’80, gli anni ‘da bere’ e dell’edonismo. Sono sopravvissuto alla droga e agli eccessi di quegli anni. Ne ho combinate di c*****e, ma le ho anche pagate tutte. Gli anni ’80, quelli più stupidi del secolo ma anche i più belli e divertenti e, per me, gli anni irriverenti di Colpa d’Alfredo, di Ogni volta, Vita spericolata e di Bollicine”.

Leggi anche —-> Vasco Rossi senza freni su Renato Zero: “Nel mio locale si mise a…”

Vasco Rossi: “Sono sopravvissuto a tre malattie mortali”

Continua il rocker: “Quando gli amici hanno cominciato a morire intorno, Lolli, Massimo, Marietto. E sono andato in depressione. Ecco, sono sopravvissuto anche a quella depressione lì. Sono anche sopravvissuto a tre malattie mortali, nel 2011, quando sono andato in coma per tre o quattro volte. Preso per un pelo, eh, sono sopravvissuto anche a questo”.

E infine: “Sopravvivrò anche a questo a meno che non morirò di noia per il lockdown”. Vasco Rossi che, come tanti suoi colleghi ha dovuto rinviare le date del suo tour, ha annunciato l’uscita di un nuovo singolo nel gennaio 2021.