Omicidio Cerciello, Elder giudicato capace di intendere e di volere: è imputabile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:17

I professori Stefano Ferracuti e Vittorio Fineschi lo hanno ribadito nell’integrazione della perizia psichiatrice per Finnegan Lee Elder.

Omicidio Cerciello Elder capace di intendere

“Nessun scompenso psicotico, nel suo passato tentativi blandi di suicidio: confermiamo che Elder era capace di intendere e di volere al momento dei fatti e quindi può stare in giudizio”.

È quanto hanno sostanzialmente ribadito i professori Stefano Ferracuti e Vittorio Fineschi nella integrazione di perizia psichiatrica per Finnegan Lee Elder, il giovane americano accusato assieme al connazionale Gabriel Natale Hjorth dell’omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega.

elder omicidio Cerciello
Finnegan Lee Elder,

I due perititi nominati dal tribunale erano stati chiamati ad integrare il lavoro svolto nel luglio scorso alla luce di una serie di documenti sanitari messi a disposizione dalla difesa di Elder. Le oltre seimila pagine arrivate dagli Usa, hanno detto i due specialisti davanti ai giudici della prima corte d’assise, confermano che Elder presenta “disturbi della personalità legati all’abuso di tetracannabinoidi di cui è stato vorace consumatore”. Ferracuti e Fineschi hanno ridimensionato anche il presunto tentativo di suicidio dal Golden Gate del luglio del 2018.


LEGGI ANCHE:


I precedenti di Elder

“Elder in quell’occasione, dopo un litigio con la sua ragazza – hanno affermato – si tagliò in modo superficiale incidendo il nome della fidanzata ‘Mia’ sul braccio sinistro, e sotto effetto di Xanax si buttò nel fiume, sotto il Golden Bridge, non certo dalla cima del ponte infatti non ha riportato ferite tornando a nuoto sulla riva. In seguito a quel fatto il giovane è stato ricoverato in ospedale alcuni giorni, ricevendo cure farmacologiche a base di antidepressivi e ansiolitici”.