Marina e Keilen, oggi l’ultimo saluto alla giovane mamma e suo figlio

Si sono tenuti oggi, alle 14.30, nella Chiesa di San Biagio i funerali di Marina Lorenzon e suo figlio Keilen. La donna di 38 anni era tornata da Londra con il suo compagno, Gerardo De Armas, in vista del Natale e soprattutto della nascita del loro piccolo. In un silenzio assordante, le parole dei familiari che accompagnano la bara bianca della giovane mamma: «Riposeranno insieme. Questo ci dà una grande pace».

La tragedia è avvenuta lo scorso martedì. Mamma Marina, dopo aver concluso la lezione di parto prenatale, ha avvertito una fortissima fitta addominale. Con lei era presente una educatrice e i soccorsi sono stati immediati. L’emorragia interna, però, ha compromesso anche la vita del piccolo Keilen. I medici, come confermato dall’autopsia, hanno ipotizzato che Marina soffrisse di una patologia congenita che è poi esplosa durante la gravidanza. Increduli i genitori e sua sorella, Elena: «Aveva portato avanti la gravidanza in ottima salute. Nulla faceva pensare a un esito di questo tipo».

Marina Lorenzon

LEGGI ANCHE: Sonia Nacci brutalmente pestata, muore in ospedale: indagini in corso

Amava viaggiare, Marina. Questa sua passione le aveva permesso di scoprire nuove culture, di aprirsi al mondo. Era dinamica e curiosa. La sua sete di conoscenza l’aveva portata ad avvicinarsi anche alla politica. Per un breve periodo, infatti, è stata candidato sindaco del M5S a San Biagio. Si era successivamente trasferita a Londra per lavoro e qui ha conosciuto Gerardo, musicista, e insieme volevano coronare il sogno di avere una famiglia.