Infermiere vaccinato in ritardo: «Hanno aspettato un mese e ho preso il Covid»

Vaccino Covid: un infermiere gallese di 43 anni risulta positivo tra la prima e la seconda dose, rimandata per il cambiamento delle linee guida. «Non vaccinare il personale sanitario per primo è miope»

infermiere vaccinato ritardo così ho preso il covid
David Longden, 43 anni

Positivo al Covid perché vaccinato in ritardo. Accade all’ospedale Princess of Wales di Bridgend, in Galles, dove l’infermiere del pronto soccorso David Longden, 43 anni, si è contagiato tra la prima (8 dicembre) e la seconda dose della Pfizer BioNTech. La sua seconda iniezione doveva avvenire il 5 gennaio, ma è stata rimandata a seguito della modifica delle linee guida sanitarie, che ora prevedono di vaccinare quante più persone possibile con la prima somministrazione.

La positività al Covid è arrivata l’8 gennaio. «Il governo ha bisogno di proteggere il personale in prima linea del NHS – ha raccontato l’infermiere al Daily Mail – non farlo è solo miope. Ora sono stato messo fuori combattimento per diversi giorni mentre il pronto soccorso è pieno di pazienti. Bridgend è una delle aree del Galles con i più alti tassi di Coronavirus. Corro anche il rischio di esporre la mia partner al virus – ha aggiunto -. Ho avuto mal di testa e poi un terribile raffreddore: poi mi sono sentito veramente male, come stordito». E infine dice di aver avuto «molti dei tipici sintomi del Covid, come la perdita del gusto e dell’olfatto».

LEGGI ANCHE: Il calvario burocratico di una 58enne: tre anni per dimostrare di non essere morta

Ora il 43enne è in isolamento. E come lui molti altri colleghi, tutti positivi e costretti all’autoisolamento. Il Princess of Galles ha infatti registrato un numero record di assenze in questi giorni.