Covid e Scuola, la situazione degli istituti e le chiusure nelle varie Regioni

Emergenza Covid, preoccupa l’andamento della pandemia in Italia: il Cts consiglia misure più stringenti, si va verso la chiusura delle scuole. Ecco le disposizioni relative agli istituti di ogni ordine e grado Regione per Regione. 

covid scuole chiuse
Covid e scuole chiuse in molte Regioni – meteoweek.com (foto di repertorio)

Continua a preoccupare l’andamento dell’epidemia nel nostro Paese. Le nuove varianti di Covid-19 diventano sempre più aggressive, tanto che l’RT è salito a 1,06. Il bollettino del ministero della Salute di oggi, 6 marzo 2021, dichiara 23.641 nuovi contagi e 307 decessi. Sono 355.024 i tamponi molecolari e antigenici effettuati nelle ultime 24 ore (rispetto ai stati 378.463 di ieri). Il tasso di positività è salito al 6,6%, in aumento di 0,3 rispetto al 6,3% di ieri.

Il nuovo Dpcm sulla chiusura delle scuole

Data la situazione attuale, che si mostra come variegata a seconda delle aree nazionali, le Regioni stanno agendo e rispondendo all’emergenza in maniera relativamente autonoma, almeno per quanto riguarda la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Come stabilito dal nuovo Dpcm, tutte le scuole in zona rossa dovranno rimanere chiuse. A partire dal 6 marzo viene infatti prevista per le aree più a rischio la sospensione dell’attività in presenza (comprese le scuole dell’infanzia ed elementari), sebbene rimanga garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

Per ciò che riguarda le fasce arancioni, invece, le scuole potranno chiudere in tre casi: se si trovano in aree in cui devono essere adottate misure più stringenti contro le nuove varianti di Covid; se si trovano nelle zone dove vengono registrati 250 contagi ogni 100mila abitanti nell’arco di 7 giorni; nel caso in cui si verifichi una situazione di peggioramento del quadro epidemiologico di tipo eccezionale.

covid scuole chiuse
Covid e scuole chiuse in molte Regioni – meteoweek.com (foto di repertorio)

Nelle zone gialle, le scuole possono chiudere in tre casi: se si trovano nelle aree in cui devono essere adottate misure più stringenti contro le nuove varianti di Covid; se si trovano nelle zone in cui vengono registrati più di 250 contagi ogni 100mila abitanti nell’arco di 7 giorni; nel caso in cui si verifichi una situazione di peggioramento del quadro epidemiologico di tipo eccezionale. Aperte le scuole di ogni ordine e grado, invece, nelle zone bianche.

Le chiusure nelle varie Regioni

Ecco la situazione nelle varie Regioni.

  • Alto Adige: scuole superiori chiuse fino al 14 marzo.
  • Trentino: didattica a distanza fino al 14 marzo nei comuni di Merano, Rifiano, Moso in Passiria, Malles Venosta, Lana, San Martino in Passiria, Caines, San Leonardo in Passiria, Tirolo, Silandro, Parcines, Scena, Lagundo, Tubre e Glorenza.
  • Abruzzo:  tutte le scuole chiuse fino a diverso provvedimento.
  • Calabria: da lunedì 8 marzo scatta la Dad, resterà in vigore per due settimane.
  • Campania: scuole di ogni ordine e grado chiuse fino al 14 marzo.
  • Emilia-Romagna: fino all’11 marzo Dad per 14 comuni della Ausl di Imola e quelli confinanti in provincia di Ravenna, mentre a Bologna scuole chiuse a partire dal 1° marzo per due settimane (tranne asili e dei nidi); a Forlì sospensione dell’attività didattica in presenza fino al 14 marzo.
  • Friuli Venezia Giulia: Dad per le scuole medie, superiori e università da lunedì 8 marzo a sabato 20 marzo.

LEGGI ANCHE: Positiva al Covid, volontaria Croce Rossa 23enne in rianimazione: è grave

  • Lazio: scuole chiuse e Dad per gli istituti di Monterosi, Carpineto, Roccagorga, Colleferro, Torrice, e Monte San Giovanni Campano; stessa disposizione per i Comuni ricadenti nel territorio della Provincia di Frosinone.
  • Lombardia: dal 5 marzo e fino al 14 marzo sospensione della didattica in presenza per le scuole elementari, scuole medie, scuole secondarie di secondo grado e istituzioni formative professionali, così come anche le scuole dell’infanzia.
  • Marche: Dad al 100%  per le scuole di ogni ordine e grado fino al 14 marzo nelle province di Ancona e Macerata, mentre – sempre fino al 14 marzo – Dad al 100% delle scuole medie, superiori e delle università nelle province di Pesaro e Urbino, Fermo e Ascoli Piceno.
  • Piemonte: da lunedì Dad al 100% per le seconde e terze medie e le classi di scuola superiore per due settimane.
  • Puglia: scuole chiuse fino al 14 marzo.

LEGGI ANCHE: Vaccini, nel Lazio da metà marzo arriva il certificato per i cittadini

  • Sicilia: scuole chiuse e Dad a Caccamo, San Cipirello e San Giuseppe Jato (Palermo); Castell’Umberto, Cesarò, Fondachelli Fantina e San Teodoro (Messina); Licodia Eubea e Santa Maria di Licodia (Catania); Montedoro, Riesi e Villalba (Caltanissetta ed Enna).
  • Toscana: dall’8 marzo fino a venerdì 12 chiuse le scuole di Pistoia e provincia (20 Comuni in tutto); scuole chiuse anche a Civitella Paganico (Grosseto), a Marciano della Chiana (Arezzo), Castelnuovo Berardenga (Siena), Certaldo (Firenze), Lucignano (Arezzo); scuole chiuse la prossima settimana in tutto il comune di Arezzo e in quello di Siena, così come quelli in zona rossa.
  • Sardegna: da lunedì 8 marzo fino a lunedì 15, le lezioni in presenza nelle scuole superiori dal 50% fino a un massimo del 75% degli studenti.
  • Umbria: Dad fino al 21 marzo per tutte le scuole primarie e secondarie, statali e paritarie della provincia di Perugia.