Meghan e Harry: Windsor razzisti. Ecco a chi si riferivano…

Lady Colin Campbell, biografa di corte, svela in un podcast sul suo canale YouTube chi è il “razzista” nella Royal Family… anche se non tutto è come sembra!

Oprah Winfrey interviews Prince Harry and Meghan Markle on A CBS Primetime Special (Photo by Harpo Productions/Joe Pugliese via Getty Images)

Chi è il razzista nella famiglia reale? La reazione di William

Le accuse di razzismo, piuttosto generiche, lanciate da Meghan e Harry verso un non precisato membro della famiglia reale britannica hanno destato scandalo in tutto il globo: tutti si sono chiesti chi fosse il parente razzista. Dopo che il  duca di Sussex ha escluso i nonni, la regina Elisabetta II e il principe Filippo, si è cercato di andare per esclusione. Naturalmente i familiari più stretti si sono risentiti: una fonte vicina al principe Carlo ha raccontato di come l’erede al trono fosse particolarmente dispiaciuto per le illazioni visto che per lui la diversità è sempre stato un pro e mai un contro. Il principe William ha risposto risentito a un reporter: “Non siamo affatto una famiglia razzista”.

Lady Colin Campbell svela la verità: le frasi della principessa Anna

In molti hanno puntato il dito contro il bersaglio più facile, il principe Andrea, pecora nera della famiglia e già nei guai per le sue amicizie pericolose con il miliardario Epstein e la maitresse Ghislaine Maxwell e il suo coinvolgimento nel giro di prostituzione minorile gestito dai due. Invece, è stata la biografa di corte Lady Colin Campbell a rivelare chi avrebbe fatto certi commenti: la principessa Anna. Anche se le cose non sarebbero esattamente quelle che Harry e Meghan le hanno descritte a Oprah Winfrey ma anche a tutto il mondo.

“Meghan vuole essere sempre al centro dell’attenzione”

Nel suo podcast di 38 minuti Chatting with Lady C , pubblicato sul suo canale YouTube, Lady Colin Campbell ha cercato di raccontare quello che potrebbe essere successo, partendo da un preambolo immaginabile: la secondogenita della regina e del principe consorte non sarebbe mai stata una grande fan di Meghan. “Anna sapeva dall’inizio che Meghan è solo una che vuole sempre essere sfacciatamente al centro dell’attenzione,” dice Lady Colin Campbell spiegando che Anna era preoccupata dall’intenzione già manifesta di non rispettare le differenze culturali tra Regno Unito e Stati Uniti. Né l’istituzione di cui sarebbe entrata a far parte.

Princess Anne, Princess Royal (Photo by Anthony Harvey/Getty Images)

Per questo si era dimostrata sin dall’inizio contraria al matrimonio tra Harry e Meghan. Tutte le sue obiezioni all’unione sarebbero state riferite dal principe alla moglie. Da qui sarebbe nato il fraintendimento che poi i Sussex hanno traformato in quello che Campbell chiama “scontro culturale” e “discriminazione razziale“.

“Meghan non riteneva  Meghan idonea a entrare nella famiglia reale”

La principessa Anna era preoccupata per l’idoneità di Meghan a entrare in una famiglia con tradizioni secolari – dice Lady Colin Campbell nel podcast – ed era dubbiosa sul fatto che potesse non comprendere il ‘rispetto’ per l’istituzione che rappresentano e per la famiglia. Pertanto le conseguenze sarebbero state disastrose: avrebbe causato problemi a tutti loro ma anche a qualsiasi bambino nato dall’unione. Questo non aveva nulla a che fare con il suo essere di razza mista. Harry invece ha deciso che l’accenno alle differenze culturali fosse un riferimento al colore ed è corso da Meghan con quelle obiezioni e l’ex attrice ha voluto “armarle” di razzismo. Stiamo parlando di due persone che sono molto ansiose di vedere nemici o complotti dove non esistono”.

“Anna sempre contraria al matrimonio tra Harry e Meghan”

Non c’erano preoccupazioni per il colore di Meghan. La principessa Anna era giustamente dubbiosa che se il matrimonio fosse andato avanti e ci fossero stati bambini, ci sarebbero stati enormi problemi, non a causa del colore della pelle, ma a causa dell’incapacità e della determinazione di Meghan a non apprezzare le differenze culturali. Anna era preoccupata che la moglie di Harry potesse non avere effettivamente capito fino in fondo che stava sposando non solo l’uomo che amava ma anche un’istituzione e dunque non ne avrebbe avuto il giusto rispetto.”

Meghan e Harry hanno usato quella genuina incertezza di una zia amorevole, che essendo una donna con i piedi per terra, esperta, pratica, intelligente e sensibile, sapeva che non si cava sangue da una rapa o che la botte dà il vino che ha. Nessuno è colpevole in termini di razzismo, ma in effetti la Principessa Anna è stata la campionessa nel sostenere che Harry non doveva sposare quella ragazza perché inadatta, sbagliata per il Paese e per il lavoro che avrebbe dovuto fare in qualità di royal senior. Ebbene quei timori si sono rivelati fondati.

The Duke and Duchess of Sussex with the Princess Royal (right) in their seats ahead of the wedding of Princess Eugenie (Photo by Danny Lawson – WPA Pool/Getty Images)