Denise e Olesya, a poche ore dalla verità: parla l’avvocato

Parla il legale di Piera Maggio su alcune sue presunte dichiarazioni circa l’esito degli esami del Dna su Olesya Rostova. Su alcuni quotidiani italiani tra cui FanPage, è uscita una notizia dove si paventava una conferma da parte dell’avvocato della famiglia, in cui Olesya non è Denise. 

Olesya Rostova-Meteoweek.com

Olesya Rostova non è Denise Pipitone? Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio, madre della bimba sparita in Sicilia a Mazara del Vallo ormai 17 anni fa e più precisamente nel settembre 2004,  avrebbe detto che «Olesya Rostova non è la piccola scomparsa», come riportato da Fanpage.it,  facendo così scomparire le già flebili speranze della famiglia e della donna che in tutti questi anni non ha mai smesso di cercare la figlia. Poi, però, è arrivata la smentita a mezzo Ansa da parte di Frattizza.

«Leggo sui social ricostruzioni fantasiose e mie presunte dichiarazioni. Ribadisco di essermi limitato a trasmettere alla Procura di Marsala l’esito della documentazione scientifica che mi è stata inviata ieri e di non avere fatto alcun anticipazione circa l’esito degli esami sulla ragazza che sarà reso noto nel corso della trasmissione di stasera sulla tv russa». Così il legale di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta sul suo profilo Facebook e tramite Ansa. L’uomo ha commentato alcune indiscrezioni secondo cui avrebbe dichiarato che gli esami su Olesya escluderebbero con certezza che sia Denise Pipitone, la bimba sparita a Mazara del Vallo (Trapani).

Leggi anche:—>Lo assolvono da accusa di stupro perché vittima «non urla e non piange»

Piera Maggio e Denise-Meteoweek.com

«Ho depositato un’ora fa alla Procura di Marsala la documentazione su Olesya, che mi è stata inviata ieri prima del collegamento con il primo canale della Tv russa. Il programma sarà trasmesso oggi alle 18:45 ora italiana e, come ho già detto ieri, ho preso l’impegno a non rivelare prima l’esito degli esami del sangue che potrebbero eventualmente dimostrare la compatibilità con quelli di Denise», aveva detto Frazzitta all’Ansa.

Leggi anche:—>Covid e bambini, l’allarme del pediatra: «Attenti a questi segnali» [VIDEO]

«Durante la trasmissione, a un certo punto è stata presentata una presunta sorella della protagonista del caso, anche lei russa, alla quale è stato chiesto cosa proverebbe nel caso Olesya dovesse trasferirsi in Sicilia», ha chiosato Frattizza.