I medici di famiglia in Puglia chiedono supporto per continuare la campagna vaccinale

In Puglia i medici di famiglia affermano di non essere più in grado di continuare la campagna vaccinale contro il Covid.

medici di famiglia

La medicina generale pugliese non è più in condizione di continuare a dare il proprio supporto alla campagna vaccinale”. Lo afferma proprio Donato Monopoli, il segretario della Federazione italiana medici di famiglia Puglia. Il segretario lo dichiara all’incontro con la dirigenza regionale della Federazione italiana dei medici di medicina generale. Monopoli premette: “Avevamo preso un impegno sapendo di chiedere un ennesimo sacrificio ai medici di medicina generale per vaccinare quella parte di popolazione estremamente vulnerabile che solo i medici di famiglia, con lo strumento della medicina d’iniziativa, attraverso la chiamata attiva e la vaccinazione a domicilio, potevano raggiungere.

Inoltre, sottolinea un dato fondamentale “Noi e il nostro personale abbiamo lavorato tutti i giorni, compresi i sabati e le domeniche, Pasqua e Pasquetta, in un clima di profonda disorganizzazione, con pochi vaccini e una logistica improvvisata. Nonostante questo, nella settimana dall’8 al 14 maggio abbiamo somministrato 93mila vaccini. Mi chiedo quale hub riesca a fare questi numeri. Per continuare a reggere questi numeri, però, avevano chiesto un aiuto alla Regione, che però non è mai arrivato.

I medici di famiglia chiedono un potenziamento

Le condizioni attuali costringono i medici a ritirarsi dall’impegno preso. “A marzo avevamo sottoscritto con la Regione un accordo per il potenziamento della medicina generale in termini strutturali e di personale”. “Oggi, a distanza di due mesi e in assenza di questi interventi, non è più possibile chiedere ai medici di famiglia, agli assistenti e agli infermieri di studio ulteriori sacrifici, in violazione di ogni norma di sicurezza e di salvaguardia dei diritti dei lavoratori”, spiega il segretario Monopoli a sostegno dei lavoratori.

A fronte dell’emergenza pandemica, tutti i pezzi del sistema sanitario sono stati potenziati e hanno avuto strumenti e personale. Mentre alla medicina generale  viene chiesto di continuare a vaccinare senza un chiaro segnale di investimento strutturale. Il modello organizzativo pensato per somministrare i vaccini negli Hub in Puglia prevede contemporaneamente la presenza del medico, l’infermiere vaccinatore, il personale amministrativo che cura gli aspetti organizzativi e la prenotazione degli utenti, il personale della protezione civile, gli addetti alla pulizia e alla sanificazione”.

Monopoli: “Chiediamo alla Regione di riaprire il tavolo di confronto”

LEGGI ANCHE: Ricciardi: “Ogni ondata è evitabile, in Italia talvolta si è agito di pancia”

Ma la situazione è diversa per quanto riguarda la medicina di base, l’organizzazione è completamente diversa, come sottolinea Monopoli. “Questo modello non può essere applicato alla medicina generale: il medico di famiglia è solo, non ha chi può sostituirlo, non può fare turni, è sempre presente e, anche quando ha personale amministrativo, è tarato sui carichi di lavoro per la gestione delle patologie e delle attività ordinarie. La medicina generale ha consentito di salvare i nostri anziani e il personale vulnerabile.

LEGGI ANCHE: Fauci su Covid: «Si può controllare ma non eliminare»

Lancia un appello alla Regione Monopoli nella speranza venga accolto e riorganizzato il sistema per poter contribuire anche con i medici generici alle vaccinazioni e accelerare il passo. Ora però se si vuole continuare bisogna riorganizzare il territorio e colmare quelle carenze che il Covid ha evidenziato. Per questo chiediamo alla regione di aprire il tavolo di confronto in linea con l’impegno assunto nella premessa dell’accordo sottoscritto il 5 marzo scorso. Se non si potenzia la medicina generale il sistema non regge”, avverte Monopoli. “Un medico di famiglia pensato sul modello del medico condotto di 70 anni fa non è adeguato a un mondo che è profondamente cambiato. Ha carichi di lavoro aumentati, insieme alla consapevolezza dei diritti dei cittadini, che chiedono giustamente risposte ai loro bisogni di salute”.