Leader dei “no mask” muore dopo aver contratto il covid

Il leader dei “no mask” che ha guidato gli sforzi in Texas contro l’uso della mascherina e altre misure preventive è morto di COVID-19.

Leader "no mask" muore dopo aver contratto il covid - meteoweek.com

Caleb Wallace è morto sabato, ha detto sua moglie Jessica Wallace su una pagina GoFundMe dove aveva pubblicato aggiornamenti sulle sue condizioni. Aveva 30 anni ed era padre di tre bambini. Sua moglie è incinta del loro quarto figlio. “Caleb è morto pacificamente. Vivrà per sempre nei nostri cuori e nelle nostre menti”, ha scritto Jessica Wallace. Il 4 luglio 2020, Caleb Wallace ha aiutato a organizzare il “Freedom Rally” a San Angelo. La gente all’evento portava cartelli che criticavano l’uso delle maschere, la chiusura delle attività commerciali e la comunità scientifica dietro il COVID-19. In passato aveva anche organizzato il gruppo “The San Angelo Freedom Defenders”.

Il dolore della famiglia oltre del leader dei “no mask”

“Non siamo molto contenti dello stato attuale dell’America al momento”, ha detto Wallace nel luglio 2020. In aprile, ha scritto una lettera al distretto scolastico di San Angelo, chiedendo di annullare tutti i suoi protocolli COVID-19. Jessica Wallace ha detto al giornale che suo marito ha iniziato a sperimentare i sintomi del COVID-19 il 26 luglio. Nonostante tali avvisaglie il marito ha rifiutato di fare il test o di andare in ospedale. Ha invece preso alte dosi di vitamina C, zinco aspirina e ivermectina, una medicina antiparassitaria espressamente sconsigliata dai funzionari sanitari statunitensi.

LEGGI ANCHE: Tenta di uccidere la moglie con un coltello di 30 cm: lei, ferita lo disarma

Il leader dei “no mask” è stato portato al pronto soccorso il 30 luglio e dall’8 agosto era incosciente e attaccato a un respiratore. Un giorno prima della sua morte, Jessica Wallace aveva scritto sulla pagina GoFundMe della famiglia. Nel post si diceva che “era un uomo imperfetto ma amava la sua famiglia e le sue bambine più di ogni altra cosa”. “A coloro che gli hanno augurato la morte, mi dispiace che i suoi punti di vista e le sue opinioni vi abbiano ferito. Ho pregato che ne uscisse con una nuova prospettiva e più apprezzamento per la vita. Non posso dire molto di più perché non posso parlare per lui”, ha concluso.