Omicidio Rita Amenze, arrestato l’ex marito: si era barricato in casa

Pierangelo Pellizzari avrebbe esploso quattro colpi di pistola, di questi tre hanno colpito Rita Amenze, uccisa davanti alle sue colleghe.

Rita Amenze – Meteoweek

Pierangelo Pellizzari, 61 anni, è stato arrestato dai Carabinieri perché considerato il colpevole della morte dell’ex moglie, Rita Amenze. Il 61enne si trovava a Villaga, non molto distante dalla casa in cui i coniugi vivevano. Pellizzari si era barricato all’interno dell’abitazione e aveva con sé anche la pistola.

L’omicidio di Rita

Rita è stata uccisa ieri, venerdì 10 settembre. Davanti gli occhi delle sue colleghe. All’entrata del supermercato di Noventa Vicentina. Quattro, invece, i colpi di pistola che Pellizzari avrebbe esploso contro la 31enne Rita Amenze. La donna di origini nigeriane è stata colpita da tre proiettili che le hanno sfigurato il viso. Rita ha provato anche a proteggersi con le sue stesse braccia, colpite anche esse dai colpi di pistola.

LEGGI ANCHE: Risolto il giallo della clochard assassinata: preso il killer

L’ultimo colpo, Pierangelo Pellizzari, lo ha sparato in aria, forse per riuscire a scappare con più facilità. Le persone presenti raccontano di aver visto il 61enne per nulla agitato: dopo aver colpito l’ex moglie, infatti, avrebbe riposto con naturalezza la pistola nella giacca e, salito nella sua Jeep, è andato via. Jeep che il 61enne ha abbandonato in un canale vicino via Quargente, a Vicenza. Per questo motivo, infatti, è stato richiesto l’aiuto dei sommozzatori perché inizialmente si pensava che Pellizzari si fosse suicidato.