Adinolfi sul femminicidio: “Barbara Palombelli ha ragione, è giusto indagare”

La conduttrice Barbara Palombelli sulla bocca di tutti, anche su quella di Mario Adinolfi, leader del Popolo della Famiglia, che perora la causa dell’indagine: “Bisogna indagare le cause e le dinamiche” – ha affermato Adinolfi all’Adnkronos – “io voglio capire qual è l’innesco dei comportamenti violenti”.

Mario Adinolfi – MeteoWeek

“Barbara Palombelli ha ragione e ha detto una cosa ovvia. Quando ti si presenta davanti un fenomeno preoccupante ne indaghi le cause e le dinamiche, non capisco lo scandalo. Il racconto mozzato in cui non si vogliono studiare le dinamiche è un racconto privo di intelligenza delle cose”. Queste le parole di Mario Adinolfi all’Adnkronos, nel commentare il polverone nato a seguito dalle affermazioni di Barbara Palombelli ieri sera nel corso della trasmissione ‘Lo Sportello di Forum’.

“Ovviamente la vittima rimane vittima e il carnefice rimane carnefice, non si cancella certo l’elemento criminale – ha voluto evidenziare il leader del Popolo della Famiglia- Ma di fronte ad un fenomeno che assurge a dimensione sociale, io voglio capire qual è l’innesco dei comportamenti violenti”. “Io credo che ci sia una continua insistenza su questo tema della guerra dei sessi, anche nella virilizzazione della donna per cui la donna deve diventare sempre più ‘uomo’, ed è chiaro che questo crei delle tensioni -spiega Adinolfi- ed è inevitabile che le crei. In alcuni casi, queste tensioni arrivano all’orrore dell’omicidio, del quale ovviamente resta l’orrore. Ma studiare le dinamiche che portano a questo è assolutamente necessario”.

LEGGI ANCHE: Donne uccise, l’inquisizione dei social: quando il cappio lo metti tu

Secondo Adinolfi, “se si racconta l’uomo sempre cattivo e la donna sempre buona, se succede che sia la donna che strangola il marito coi lacci delle scarpe si dice che anche là, siccome lo schema è diventato ideologico, la donna è buona e l’uomo era cattivo perché la picchiava. Qualcosa si è storto nell’analisi logica dei fatti”.