Myanmar, denuncia: “Uccisioni di massa di civili da parte dei militari”

Ascolta l'audio-articolo

Myanmar, da un’inchiesta della Bbc è partita una denuncia per le uccisioni di massa di civili da parte dei militari.

I militari hanno compiuto uccisioni di massa di civili nel luglio scorso. La denuncia parte da un’inchiesta della Bbc, che parla di almeno 40 uomini uccisi. I testimoni oculari e i sopravvissuti hanno riferito che i militari, alcuni dei quali molto giovani, anche 17enni, hanno radunato gli abitanti del loro villaggio prima di separare gli uomini e ucciderli.

Myanmar, il racconto dei sopravvissuti: “Li hanno torturati per ore prima di ucciderli”

Le riprese video e le immagini sembrano mostrare che la maggior parte delle persone uccise sia stata prima torturata e poi sepolta in fosse poco profonde. Gli omicidi sono avvenuti a luglio, in quattro distinti incidenti a Kani, una roccaforte dell’opposizione nel distretto di Sagaing, nella parte centrale del paese.

Leggi anche -> Covid, Toti: “Regioni sotto di 2 mld, il governo deve aumentare i fondi”

La BBC ha parlato con 11 testimoni a Kani e ha confrontato i loro resoconti con i filmati e le fotografie dei telefoni cellulari raccolti da Myanmar Witness, una ONG con sede nel Regno Unito che indaga sulle violazioni dei diritti umani nel paese. Sembra molto grave il bilancio nel villaggio di Yin, dove almeno 14 uomini sono stati torturati o picchiati a morte e i loro corpi gettati in un burrone nel bosco. I testimoni, rigorosamente protetti da anonimato, hanno riferito che gli uomini sono stati legati con delle corde e picchiati prima di essere uccisi. “Non potevamo stare a guardare, quindi abbiamo tenuto la testa bassa, piangendo”, ha raccontato una donna, il cui fratello, nipote e cognato sono stati uccisi. “Li abbiamo implorati di non farlo. A loro non importava. Hanno chiesto alle donne: ‘I vostri mariti sono tra loro? Se lo sono, svolgete i vostri ultimi riti'”.

Leggi anche -> Palù (Cts): “Omicron? Mancano i dati, ma dobbiamo stare in guardia”

Un uomo che è riuscito a sfuggire alle uccisioni ha detto che i soldati hanno inflitto orribili abusi agli uomini per ore prima che morissero. “Sono stati legati, picchiati con pietre e calci di fucile e torturati tutto il giorno“, ha raccontato il sopravvissuto. “Alcuni soldati sembravano giovani, forse di 17 o 18 anni, ma alcuni erano davvero vecchi. C’era anche una donna con loro”.