Incendiata auto del consigliere comunale e capogruppo Pd, indagano i carabinieri

Gli investigatori non escludono alcuna pista, anche quella dell’intimidazione mafiosa. Solidarietà anche dall’opposizione.

Danneggiata anche un’altra automobile nel rogo che ha distrutto l’auto del consigliere comunale.

L’auto del consigliere Domenico Lacava distrutta dalle fiamme – Meteoweek

Distrutta in un incendio nella notte a San Giovanni in Fiore, nel Cosentino, l’automobile di Domenico Lacava, avvocato di 53 anni, già candidato sindaco e attualmente capogruppo del Partito democratico nel Consiglio comunale di Cosenza.

Al momento i carabinieri indagano sulle cause del rogo, che si è allargato anche a un’altra vettura vicina danneggiandola seriamente. Non si esclude alcuna ipotesi sulle cause del rogo.

La solidarietà dell’opposizione

A Lacava è giunta, attraverso una nota, la solidarietà da parte di Amalia Bruni, leader dell’opposizione nel Consiglio regionale della Calabria e Vicepresidente della Commissione Antindrangheta. “Un rogo sulle cui cause gli investigatori stanno cercando di fare luce in queste ore ha distrutto nella notte a San Giovanni in Fiore, in provincia di Cosenza, l’auto dell’avvocato Domenico Lacava, 53 anni, già candidato sindaco e attualmente capogruppo del Pd nel Consiglio comunale del centro silano. Esprimo tutta la mia solidarietà all’avvocato Lacava che ha subito un gesto gravissimo e spero che gli autori materiale di quanto accaduto vengano catturati nel più breve tempo possibile e condannati per le loro azioni”.

“Siamo tutti impegnati – aggiunge Bruni – nel costruire una comunità dove a prevalere devono essere sempre il dialogo e il confronto nel rispetto delle regole imposte dalla democrazia e mai gesti di violenza o prevaricazione. Eventuali atti derivanti da vecchie culture mafiose non ci intimidiscono perché tutti insieme siamo in grado di tutelare i principi fondamentali su cui si fonda una comunità democratica”. “Sono sicura – termina Bruni – che la Prefetta di Cosenza Vittoria Ciaramella sta già mettendo in atto tutte le misure idonee per rafforzare il controllo del territorio per tutelare al meglio la vita dei cittadini”.