Legato ad un albero e picchiato, aveva postato foto fake su Instagram

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:47

Uomo legato ad un albero e picchiato per aver pubblicato foto fake su Instagram. Arrestati i tre aggressori.

Si è concluso con l’arresto di tre uomini un caso di aggressione avvenuto lo scorso giugno a San Cipriano d’Aversa, in provincia di Caserta. Un uomo di 31 anni, infatti, era stato legato con il nastro adesivo ad un albero e picchiato selvaggiamente.

Il motivo? Aveva creato un falso profilo Instagram con la foto di uno dei suoi tre aggressori con una parrucca femminile in testa.

Leggi anche —> Mamme prostitute a Napoli, appuntamenti online per dare da mangiare ai figli

Legato ad un albero e picchiato, aveva pubblicato foto fake su Instagram

legato albero picchiato

Un “affronto” che ha spinto il destinatario del fotomontaggio e altri due complici a punire l’autore dello scherzo. I tre decisero di portato dunque il 31enne in aperta campagna sotto la minaccia di una pistola, sfogandosi su di lui con calci e pugni. Il tutto mentre era legato all’albero per il collo con gli arti immobilizzati con lo scotch. I tre malviventi gli avevano anche sottratto il cellulare e le chiavi dell’auto.

Leggi anche —> Sgridato per i brutti voti, è morto il ragazzo che si era lanciato dal balcone

Arrestati i tre aggressori: accuse pesantissime nei loro confronti

Sono stati dunque arrestati i tre autori del pestaggio. Sono tre uomini di 29, 33 e 34 anni, posti in stato di fermo dai carabinieri di Casal di Principe (Caserta) al termine di un’indagine della Procura della Repubblica di Napoli Nord (Caserta).

Gravi le accuse che pendono sui tre ragazzi. Parliamo di: sequestro di persona, rapina, lesioni personali aggravate ed anche minaccia aggravata. Dopo averlo liberato e pestato, infatti, i delinquenti intimarono alla vittima di non denunciare l’aggressione altrimenti avrebbero fatto di peggio.

Leggi anche —> Torna a tremare la terra: scossa di terremoto in Grecia, avvertita anche in Salento

Il 31enne fu abbandonato sul posto e costretto a chiedere l’aiuto di un automobilista per tornare a casa. A supportare le indagini, oltre alla testimonianza accurata dell’uomo aggredito, anche alcune immagini delle telecamere di sicurezza installate nella zona dell’episodio.