Steve McQueen si cimenta con la fantascienza per Amazon

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:36

Una nuova collaborazione tra Steve McQueen, Premio Oscar per 12 anni schiavo, ed Amazon, per una serie sci-fi dal titolo Last Days.

Celebre per le sue controverse ed intense opere quali Hunger, Shame e 12 anni schiavo, oltre che per essere stato colui che ha dato in qualche modo risonanza al nome (e alle qualità fisiche) di Michael Fassbender, Steve McQueen ha stretto un accordo con Amazon Studios, per cui produrrà una serie sci-fi dal titolo Last Days.

Steve McQueen si cimenta con la fantascienza

Il progetto, pensato per la piattaforma streaming del noto marchio, è un thriller che narra le vicende di una donna sulle tracce della verità riguardante il suo passato. Mentre sullo sfondo il governo mondiale sta segretamente progettando di colonizzare Marte, sulla scia di una Terra in declino e l’inarrestabile crescita dell’Intelligenza Artificiale.

Leggi anche: Il Signore degli Anelli, ecco il cast della serie tv Amazon

Definita avvincente e distopica ma non come ci si aspetterebbe – secondo le parole del capo degli Studios Jennifer Salke – la serie sarà prodotta dalla Lammas Park di McQueen e da See-Saw Films.

Steve McQueen e la collaborazione con Amazon

Entusiasta ed eccitato in vista di questa nuova collaborazione, McQueen, Premio Oscar come Miglior Produttore per 12 anni schiavo, era già in affari con Amazon per la miniserie antologica Small Axe. Sviluppata in sei puntate, con John Boyega e Letitia Wright come protagonisti, la serie drammatica tratta della comunità londinese di West Indians ed è in arrivo su Prime Video entro questo 2020.

Leggi anche: Jack Reacher avrà una propria serie tv

Steve McQueen è pronto a sorprendere

Da sempre attento alle problematiche della società e alle dinamiche che la governano, in qualsiasi periodo scelga di ambientare la vicenda narrata, il cineasta britannico si cimenta così per la prima volta con un genere particolare e complesso quale la fantascienza.

Dopo quattro importanti titoli che compongono la sua filmografia (ai precedenti citati si aggiunga Widows del 2018), non copiosa ma di certo più che interessante e apprezzabile, chissà che non possa regalarci l’ennesima bella sorpresa…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui