Joker | il lavoro di Bradley Cooper e Joaquin Phoenix per il montaggio del film

Joker con le sue 11 nomination agli Oscar è uno dei film più apprezzati degli ultimi tempi. Ma cosa si nasconde dietro il successo di questa pellicola prodotta da Bradley Cooper e interpretata da Joaquin Phoenix?

Il film campione di incassi e di nomination agli Oscar 2020 Joker diretto da Todd Phillips ha richiesto un grande lavoro certosino in fase di post produzione. In particolar modo, il produttore Bradley Cooper e l’attore protagonista Joaquin Phoenix sono state le persone maggiormente coinvolte.

Leggi anche: Critics’ Choice Awards, tutti i vincitori dei premi

La post produzione di Joker

Joker, scritto e diretto da Todd Phillips, è uno dei film più belli degli ultimi anni, con protagonista Joaquin Phoenix. Lavorare per arrivare alla perfezione era la loro unica missione. E ci sono riusciti. Lo stesso attore ha subito un drastico dimagrimento per interpretare il villain più famoso del mondo dei fumetti della DC Comics.

In molti film accade che nella sala di montaggio il materiale girato subisca dei cambiamenti, andando contro anche a quello scritto nella sceneggiatura originaria. Il lavoro di montaggio richiesto per il film Joker rispetto alle idee iniziali, è l’esempio lampante. Jeff Groth, candidato agli Oscar come miglior montaggio, in un’intervista ha parlato di una proiezione privata organizzata da Bradley Cooper per amici e parenti, per sapere la loro opinione su Joker. Il suo lavoro in veste di produttore dopo il successo di A Star Is Born (2018) ha mostrato un Cooper diverso e sorprendente.

Groth parlando di Bradley Cooper ha detto: “Non gli manca nulla. Guardava le cose, le sceglieva, anche le cose più piccole. Lui le ha scelte anche per noi. Sicuramente è stato un grande aiuto. Ho percepito in lui una grande esperienza nel montaggio, più di quanto potessi immaginare”.

Insieme a loro anche l’attore Joaquin Phoenix ha dato il suo contributo anche dopo aver smesso i panni del sociopatico Joker. Parole di ammirazione e stima sono arrivate sempre da Groth: “Penso di esser stato nella sala di montaggio più con lui che con chiunque altro. Era bello vedere lo stato d’animo e le sensazioni che Phoenix provava ogni giorno. Una prospettiva molto interessante. Avere vicino la persona che ha interpretato quel personaggio e provato determinate scene è stato molto istruttivo. Ho fatto i complimenti a Todd per aver scelto lui.”

Leggi anche: Joaquin Phoenix, chi è la fidanzata di “Joker”: elegantissima attrice

La sinossi di Joker

Il film Joker è basato sul personaggio della DC Comics da sempre acerrimo nemico dell’Uomo Pipistrello a Gotham City. In questa versione l’attore Joaquin Phoenix ha dato una grande prova d’attore, tanto da far guadagnare al film ben 11 nomination.

Ambientato negli anni ’80, il sociopatico Arthur Flack e la sua risata inconfondibile, sono i protagonisti assoluti. L’uomo e sua madre (non autosufficiente), vivono in un piccolissimo appartamento, malandato e riversato in condizioni al limite dell’umano. Entrambi hanno due ossessioni diverse: Bruce Wayne per la mamma; mentre il figlio fissato con un talk show condotto da Murray Franklin interpretato da Robert De Niro.