Vuoi vincere un Oscar? Basta interpretare una persona realmente esistita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:48

Dal 2000, poco più della metà degli attori e attrici candidati come miglior protagonista hanno interpretato personaggi della vita reale. Sarà così anche quest’anno?

È un pregiudizio che risale a George Arliss e “Disraeli” (1929), sebbene le imitazioni pluripremiate siano diventate sempre più dure, persino critiche, negli ultimi anni. Nonostante l’appello di Oliver Cromwell, la prima Hollywood ha assegnato onori alla recitazione per una dozzina di rispettabili, persino adoranti biopic. Arliss ha trasformato il Disraeli lunatico e depressivo in uno zio olandese da matchmaking. Charles Laughton è diventato carino, non crudele, nei panni di Enrico VIII. Paul Muni ha eluso la presunta manomissione dei dati di Louis Pasteur, proprio come George M. Cohan di James Cagney nel 1942 ha ignorato l’opposizione all’equità degli attori che ha guadagnato l’inimicizia degli attori di Cohan.

L’Oscar per celebrare la realtà vince

Onorare i soggetti della vita reale al cinema è praticamente diventato la regola nei successivi 40 anni, con artisti del calibro di George Patton, Thomas More, Fanny Brice e Annie Sullivan.

Poi arrivarono il 1980 e “Raging Bull”, con l’abbraccio senza paura, senza vincoli di Oscar, di Robert De Niro della violenza del pugile Jake LaMotta e la mancanza di intelligenza emotiva giocata al massimo volume – il suo soggetto biografico ancora sulla scena, per iniziare. Nello stesso anno, Sissy Spacek ha immediatamente dato voce al problema della droga interpretando Loretta Lynn e il suo esaurimento nervoso (di nuovo, con la benedizione del soggetto) per vincere un Oscar per Coal Miner’s Daughter.

Leggi anche: 5 biopic femminili da rivedere dopo Judy

Leggi anche: Sting non vuole un biopic sulla sua vita

Un biopic per un Oscar

Successivamente le porte si aprirono e le stelle iniziarono a portare a casa la statuetta affrontando direttamente i loro soggetti. I comportamenti scorretti, le nevrosi o le semplici stranezze di leggende musicali come Antonio SalieriEdith PiafRay Charles e David Helfgott sono emerse con un candore costante.

I ritratti di figure amate – Abraham Lincoln, Winston Churchill, Harvey Milk, la regina Elisabetta II – fecero di tutto per mettere in evidenza i problemi e gli elogi. L’evocazione di “Iron Lady” con Meryl Streep nei panni di Margaret Thatcher celebra il successo politico senza trattenere la sua imperiosità e il suo declino mentale (con il probabile stupore del suo predecessore Disraeli, se fosse lì a testimoniarlo).

Leggi anche: Oscar 2020 | chi sono le attrici favorite per l’Academy Award

Leggi anche: Netflix annuncia film su Leonard Bernstein con Bradley Cooper

Oscar 2020 | Judy Garland o Renee Zellweger?

Andando avanti, indipendentemente dal fatto che Renée Zellweger (Judy Garland) o Jonathan Pryce (Papa Francesco) trionferanno quest’anno, ci si aspetta che molti attori siano attratti da figure complesse e difficili nella vita reale in cerca di Oscar.

In fondo è un po’ come una prova fisica per le star che vengono in un certo senso ripagate per le infinite ore di trucco e la bravura nel trasformarsi in un personaggio importante della storia, senza inciampare nella squallida caricatura. Non ci resta che aspettare per vedere se anche quest’anno verrà rispettata questa regola non detta.