I film dello Studio Ghibli su Netflix | ecco quelli meno noti da scoprire

Da febbraio tutto (o quasi) il catalogo dello Studio Ghibli è disponibile sulla piattaforma streaming di Netflix. Ecco quali sono i film meno conosciuti che vale la pena recuperare.

Netflix ha recentemente reso disponibili anche in Italia ben 21 film (da Nausicaa della valle del vento a Quando c’era Marnie) dello studio d’animazione fondato da Hayao Miyazaki. Tra i capolavori immortali che hanno segnato nuove frontiere del cinema d’animazione, anche dei “film minori” da non perdere.

Pioggia di Ricordi

Tre anni dopo Una tomba per le lucciole, Isao Takahata firma Pioggia di ricordi, un film che ancora più del precedente guarda principalmente ad un pubblico adulto come destinatario di una storia incentrata sullo scorrere del tempo, il decadimento del corpo e sulla vita di una donna che ha appena lasciato l’adolescenza alle spalle. Chi è abituato ad un tipo di cinema d’animazione prevalentemente votato alle storie per l’infanzia o a quelle di genere, si troverà spiazzato davanti ad un film che sembra scritto per attori in carne ed ossa. Se altri registi giapponesi avrebbero usato la storia di questa impiegata d’ufficio di trent’anni che vuole fuggire nella tranquillità della campagna come base per un dramma sociale, Pioggia di ricordi utilizza quel materiale per affermare il proprio sguardo dolce sulle cose. Il finale del film è forse uno dei migliori confezionati dallo Studio Ghibli.

Leggi anche: I 5 migliori personaggi ideati dal genio di Hayao Miyazaki

Porco Rosso

Molto conosciuto per determinate scene entrate nella cultura di massa, ma ancora uno dei film meno visti tra i tanti prodotti dallo Studio Ghibli, Porco rosso è uno dei film d’animazione più dinamici di sempre, uno che utilizza la velocità come strumento principale della propria narrazione. Marco Pagot, il pilota divenuto maiale nell’Italia sotto il regime nascita, è, come spesso accade nei film di Miyazaki, prima simbolo e solo successivamente personaggio. Il maiale nella cultura giapponese è simbolo di inerzia e pigrizia, quindi perfetto per incarnare un protagonista che rifiuta di schierarsi e di partecipare al conflitto armato. Si tratta del film d’azione migliore mai realizzato dallo Studio Ghibli e l’amore perduto che muove il maiale volante è espresso su schermo con una genuinità e semplicità commovente.

I miei vicini Yamada e Laputa 

Tra i ventuno film proposti da Netflix nel suo catalogo c’è anche I miei vicini Yamada, cartone animato comico incentrato sulle vicende quotidiane di una tradizionale famiglia giapponese. Non ha una vera e propria trama, ma è in realtà composto da scenette autoconclusive ed estremamente basilari, ma emblematiche del tipo di umorismo che da sempre caratterizza le produzioni dello Studio Ghibli. Nonostante il film osservi da vicino una realtà quotidiana molto distante da quella occidentale, è impossibile non sentirsi incredibilmente simili a quei personaggi, ai loro sentimenti e ai loro valori, che anche se non sempre coincidono con i nostri, sembrano essere sempre descritti con una convinzione che ce li fa apparire inderogabili.

I fan di Evangelion non faticheranno a trovare delle similitudini tra i giganti di Laputa – Castello nel cielo e gli Eva della serie ideata da Hideaki Anno. Il capolavoro del 1986 è stato l’ispiratore di una lunga sequenza di anime venuti dopo di lui. Laputa – Castello nel cielo è uno dei film più complessi dello Studio Ghibli, uno di quelli in cui è impossibile separare nettamente i buoni e i cattivi (basti vedere l’evoluzione del personaggio di Dola).