Coronavirus, Grillo: “reddito di base universale per diritto di nascita”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:22

Beppe Grillo è tornato a farsi sentire con un post sul suo blog in cui afferma che la priorità in questo momento è creare un reddito di base universale per diritto di nascita.

coronavirus Grillo reddito di base
(Photo credit should read ANDREAS SOLARO,ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

Attraverso il suo blog, Beppe Grillo ha rilasciato alcune dichiarazioni riguardo l’emergenza coronavirus che ormai da quasi un mese ha costretto il nostro paese a diventare per intero zona rossa. Nell’articolo pubblicato, Grillo spiegato innanzitutto che la via d’uscita da questa crisi non può essere come quella del 2008, quando si è preferito salvare le banche a discapito del popolo.”. Per l’uomo simbolo del Movimento 5 Stelle è arrivato il momento che la politica si decida a mettere al centro dell’economia l’uomo e non più il mercato del lavoro. Per arrivare a questo, Grillo sostiene che è necessario garantire a tutti i cittadini “lo stesso livello di partenza”. La sua proposta dunque è quella di attuare un reddito di base universale che si basi sul diritto di nascita. Questo deve “destinato a tutti, dai più poveri ai più ricchi”

Coronavirus, Grillo: la vera sfida è trovare un vaccino

La soluzione proposta da Beppe Grillo nel suo blog è dunque molto chiara. Per fronteggiare l’emergenza innescata dal Covid-19, c’è un assoluto bisogno di attuare un reddito di base universale. E questa misura deve inoltre essere applicata sulla base del diritto di nascita, senza fare distinzioni di alcun genere.  Nel mese di febbraio, quando l’epidemia di coronavirus iniziava a manifestarsi in Italia, Grillo era rimasto stranamente silenzioso sui teme politici interni al movimento, ma non su quelli riguardanti la pandemia.

coronavirus Grillo reddito di base
(Photo credit should read ALBERTO PIZZOLI/AFP via Getty Images)

Già il 26 febbraio aveva pubblicato una foto molto emblematica sui social. In questa era ritratto con una mascherina a forma di cervello che gli copriva il volto. Il suo voleva essere un originale consiglio ai cittadini a non lasciarsi prendere dal panico ma a gestire in modo corretto le informazioni che arrivavano. A marzo invece si era espresso in maniera netta sul fatto che l’unico modo per mettere fine alla pandemia che stava mettendo in seria difficoltà il paese, fosse quello di trovare un vaccino al più presto.

Leggi anche: Coronavirus, Berlusconi: “Draghi è la scelta giusta per fare ripartire l’Italia”

Leggi anche: Coronavirus. Conte: “non potevamo chiudere tutto prima, picco vicino”

Una volta scoperto, Grillo sottolineava poi la necessità di trovare il modo più efficace per poterlo produrre e distribuire in tutto il mondo.