Coronavirus, suicida l’assessore tedesco Thomas Schaefer: ossessionato dal virus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:10

Thomas Shaefer, politico molto noto in tutto il paese, presidente del Land dell’Assia era devastato dagli effetti del virus sulla popolazion.

Thomas Schaefer, l’assessore alle finanze del Land dell’Assia morto suicida a Hochheim

Suicidio shock

Ha vissuto il coronavirus come un evento sconvolgente e forse irreparabile. E di fronte alla crescente angoscia che lo aveva attanagliato da alcune settimane, ha deciso di farla finita. Si è suicidato così, facendosi travolgere da un treno Intercity, Thomas Schaefer, 54 anni, assessore alle finanze del Land dell’Assia – la regione di Francoforte,

LEGGI ANCHE > La generosità del premier albanese Edi Rama ci dimostra perché l’Europa è morta

LEGGI ANCHE > New York, oltre mille decessi: ma per ora niente quarantena

Chi era

Thomas Schaefer era un politico molto noto e stimato che era coinvolto nell’attività pubblica non solo dell’Assia ma anche della politica federale tedesca da quasi trent’anni. Era assessore alle finanze di uno dei Land più ricchi e importanti della Germania, una figura molto significativa per il CDU, l’unione cristiano democratica di centro della quale fa parte anche Angela Merkel che Schaefer conosceva personalmente e sosteneva da sempre. Da più parti era considerato come il logico successore al mandato dell’attuale presidente del Land Volker Bouffier, si è tolto la vita.

I fatti

Stando alle ricostruzioni effettuate nella tarda serata di ieri, Schaefer era apparso a molti testimoni duramente provato per la vicenda coronavirus che sta investendo con forza anche la Germania. Era molto preoccupato: ma nemmeno la moglie e i figli ieri mattina potevano immaginare un epilogo tanto tragico.  L’uomo sarebbe uscito di casa per “un sopralluogo”, dice la moglie e di sarebbe isolato per almeno un paio d’ore. Nel tardo pomeriggio un intercity avverte di un urto, un investimento nei pressi di un passaggio a livello ad Hochheim, a poca distanza dalla casa dell’uomo. Le forze di pronto intervento riconoscono il cadavere e diffondono la notizia. Schaefer avrebbe lasciato una sola lettera d’addio, indirizzata a moglie e figli che è stata acquisita dagli inquirenti. Non è chiaro se il politico avesse scoperto, o temesse, di avere contratto il virus.

Le reazioni politiche

“Siamo tutti sotto shock dalla morte improvvisa e inattesa di Schaefer e dobbiamo adesso elaborare questo lutto” ha detto il presidente del Land dell’Assia Bouffier, il quale ha anche affermato che proprio l’emergenza del coronavirus aveva sconvolto l’assessore. “Si preoccupava moltissimo del fatto che non si sarebbe riusciti a venire incontro alle enormi aspettative di aiuto della popolazione, era letteralmente assillato da questa angoscia” – ha aggiunto Bouggier

LEGGI ANCHE > Come cambiano le modalità per ricevere la pensione Inps

LEGGI ANCHE > I contagi sembrano rallentare: le morti no

Il dolore della Merkel

Eppure proprio Schaefer nei giorni scorsi aveva annunciato un importante pacchetto d’aiuti finanziari ed economici per i dipendenti e gli imprenditori del Land. Anche Angela Merkel ha espresso sgomento per questo lutto “che aggiunge preoccupazione e dolore al nostro paese e lo impoverisce di un funzionario leale e di grande valore” ha scritto il cancelliere commentando il suicidio di Schaefer.