Jesse Eisenberg | “Non posso esprimermi sullo Snyder Cut”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:53

A Jesse Eisenberg è stato chiesto un commento sullo Snyder Cut di Justice League ma l’attore non ha saputo dare un suo parere, dal momento che non rivede i film a cui prende parte.

Di recente intervistato dal Toronto Sun, Jesse Eisenberg ha rivelato di non avere un parere preciso sullo Snyder Cut di Justice League, dal momento che non ha l’abitudine di guardare i film di cui lui è protagonista.

Jesse Eisenberg | Perché non può esprimersi  sulla questione Snyder Cut

Molti suoi colleghi (come Connie Nielsen), con cui ha diviso la scena dell’universo DC Comics, si sono espressi in merito alla questione, motivo per cui durante l’intervista anche a lui è stata posta la medesima domanda.

Leggi anche: Zack Snyder | il legame speciale tra Justice League e Batman V Superman

Leggi anche: Zack Snyder ha svelato il piano dei 5 film e le origini di Wonder Woman

L’incertezza che ha caratterizzato la risposta è evidentemente dovuta dalla non abitudine di Eisenberg a vedere i film in cui compare. Non ho visto né Batman vs Superman né Justice League – dice l’attore – “So che avevo una piccola parte in uno di questi, ma mi mette a disagio riguardarmi”.

 “Perciò non so molto dello Snyder Cut e non faccio parte di questo…non so neanche come chiamarlo…di questo movimento. Adoro Zack Snyder e ho lavorato con lui per un bel po’ visto che questi film necessitano di tempi di lavorazione molto lunghi.”

Jesse Eisenberg ha fiducia in Zack Snyder

Adoro il suo stile e la sua estetica, e se c’è un film che lui vuole mostrare al mondo sono certo che sia fantastico” – conclude Eisenberg.

La questione riguarda l’abbandono improvviso del progetto da parte di Snyder, colpito da un tragico evento familiare, durante la fase di post-produzione. Al suo posto è subentrato Joss Whedon, con la funzione semplicemente si supervisore. Da quel momento sono iniziate a circolare voci su una fantomatica Snyder Cut

Leggi qui altre notizie di cinema -> CLICCA QUI

Voci che la Warner Bros. tenta di mettere a tacere ma che lo stesso cineasta (qui alcune news sul movimento pro-Snyder) non smette di sollecitare.