Canone Rai, il Governo decide la proroga dei pagamenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:03

Il Decreto Cura Italia ha sancito una proroga per il pagamento del canone Rai speciale. La seconda rata va pagata entro giugno. 

Canone Rai speciale posticipato il pagamento a giugno 2020

Il canone Rai speciale, è un’imposta che grava sui commercianti che hanno attività aperte al pubblico, come ad esempio: bar, cinema, alberghi, strutture presso le quali è possibile guardare programmi di intrattenimento in televisione o ascoltare musica in  radio. L’imposta va pagata per ogni singola struttura nella quale vi sia la trasmissione di programmi audio visivi, anche se trattasi di più locali appartenenti ad unico proprietario. Il canone Rai speciale, non è da confondere con il canone Rai ordinario, che è un tributo al cui pagamento sono obbligati i possessori di televisori per uso familiare.

A quanto ammonta l’imposta e quando pagare il canone Rai speciale?

L’ammontare del canone Rai speciale cambia in virtù della tipologia di struttura che possiede i dispositivi radiotelevisivi. I proprietari di bar e ristoranti che detengono un solo televisore ad esempio, sono tenuti al pagamento di un importo annuo di circa 203,70 euro. Per gli alberghi di lusso, per quelli che hanno un numero di camere superiori a cento, l’importo può arrivare fino a 6.789,40 euro all’anno.

LEGGI ANCHE—–>Reddito di cittadinanza: a chi spetta e come inviare la domanda

LEGGI ANCHE——>Cassa integrazione in deroga fino al 31 luglio 2020. La decisione è vicina

Così come sancito dall’art. 62 del D-L 17 marzo 2020, n.18, Decreto Cura Italia, il termine ultimo per il pagamento della seconda rata trimestrale del canone Rai speciale è stato prorogato al 30 giugno 2020.

LEGGI ANCHE—–>Reddito di emergenza, anche per i lavoratori in nero: cosa sta accadendo

LEGGI ANCHE——>Bonus assunzione: a chi spetta e come richiederlo

Una proroga, con la quale il Governo mira ad assecondare le particolari esigenze dei commercianti, la cui situazione finanziaria è stata duramente compromessa a causa del lockdown.