Samuele trovato morto in un fosso a Bastia: rinvenuti segni di dita sul collo

Samuele trovato morto in un fosso a Bastia: rinvenuti segni di dita sul collo. Secondo i legali della transessuale indagata potrebbero essere segni di difesa 

Samuele De Paoli-Meteoweek.com

Dai primi risultati dell’autopsia sul cadavere del 22enne Samuele De Paoli, trovato morto in un fosso a Bastia Umbra mercoledì scorso, sarebbero emersi segni di dita sul collo del ragazzo.
«Per ora non ci sono conferme, occorre capire se l’azione è stata meramente difensiva», ha detto il legale difensore di Patrizia, la transessuale brasiliana indagata per omicidio preterintenzionale.

«Sul collo il segno di una mano, presumibilmente la destra, con i segni delle quattro dita sul lato sinistro e il pollice sul destro, che fanno pensare ad una crisi vagale. Per ora non ci sono conferme occorre capire se l’azione è stata meramente difensiva, anche perché strangolare una persona con una sola mano risulta difficile. Inoltre il segno del pollice verso la mandibola è compatibile con la reazione difensiva dal basso verso l’alto indicata dalla mia assistita. Sulle nocche della mano destra della vittima c’erano lacerazioni da pugni, compatibili con le lesioni riportate da Patrizia», ha chiarito il legale Francesco Gatti.

Samuele-Meteoweek.com

A quanto pare non ci sarebbero ancora conferme riguardo l’ora della morte di Samuele.

Leggi anche:—>Rapina Cuneo, complice dei due rapinatori uccisi collabora alle indagini

Durante l’autopsia eseguita dai medici legali Sergio Scalise, Mauro Bacci e dalla tossicologa Paola Melai, si sono effettuati i prelievi per gli esami tossicologi di cui si stanno aspettando i risultati.