Sbarchi Lampedusa, Salvini chiede l’intervento di Draghi

Sono sbarcati a Lampedusa oltre mille migranti in poche ore nella giornata di ieri. Salvini subito sgancia un’altra insidia per la maggioranza. “E’ necessario un incontro con Draghi”.

Il leader della Lega Matteo Salvini chiede al premier Draghi di intervenire sull’ondata degli sbarchi a Lampedusa. In poche ore sono continuati gli arrivi fino a raggiungere numeri record. L’ex ministro dell’Interno scrive all’attuale ministra del Viminale, Lamorgese per cercare di evitare un boom di sbarchi incontrollato durante l’estate in questo periodo di difficoltà sanitaria. Su questo tema Salvini non ha mai nascosto la sua linea dura, in pandemia ancora di più. “E’ necessario un incontro con il presidente Draghi, con milioni di italiani in difficoltà non possiamo pensare a migliaia di clandestini.” Seguirà, dunque, una cabina di regia con il massimo spirito collaborativo tra Salvini e Lamorgese insieme a Draghi.

Proprio in seguito a questo pressing si è messo a lavoro il Viminale. Lamorgese starebbe lavorando ad un nuovo accordo di Malta in vista dell‘incontro con il commissario europeo a Tunisi sulla questione del ricollocamento di solidarietà di tutti gli Stati europei. Il meccanismo di ridistribuzione dovrebbe applicarsi almeno per i migranti salvati in mare. Un nuovo pressing sul governo da parte del leader del Carroccio che ha avuto già i suoi effetti.

Noi a Draghi porteremo i modelli degli altri Paesi europei. Siccome giustamente si parla di un governo europeista e di quello che ci chiede l’Europa, chiederemo che l’Italia si comporti come si comportano la Spagna, la Grecia e la Francia. In nessun altro Paese ci sono i numeri, le dimensioni e i problemi che abbiamo in Italia“. Ha detto Matteo Salvini sulla gestione dell’immigrazione, chiedendo che l’Italia si comporti come gli altri Paesi europei. “Gli altri Paesi non stanno aspettando l’Europa, ma stanno difendendo i loro territori per conto loro con pieno diritto. Il presidente Draghi dice che noi meritiamo rispetto e anche sul fronte dell’immigrazione meritiamo rispetto. Non possiamo invitare i turisti da mezzo mondo su un’isola che ogni giorno vede migliaia di sbarchi. Non è serio” continua il segretario della Lega.

Sbarchi senza sosta: Salvini contatta Lamorgese e Draghi

SBARCHI LAMPEDUSA

Urge un incontro con il presidente del Consiglio Mario Draghi per Salvini.  Dopo i tanti arrivi di ieri a Lampedusa ci sarà anche quest’altro tema da affrontare. “Parleremo del tema sbarchi, perché 2.148 sbarchi in 24 ore non sono compatibili con un Paese che vuole ripartire“. Infine si parlerà del “decreto Sostegni che vedrà la luce giovedì a cui stiamo collaborando“. Per il governo si apre “una settimana che si preannuncia positiva e importante” poichè nel frattempo l’Italia sta andando progressivamente verso la normalità e l’apertura completa.

LEGGI ANCHE: Migranti, Varchi (Fdi): “Lampedusa al collasso, gestione fallimentare”

Una vittoria per Salvini che afferma: “Conto che questa sia la settimana di un positivo graduale ritorno alla normalità al lavoro al chiuso e all’aperto, al mattino e alla sera. I dati sono positivi gli italiani dimostrano buon senso, aumentano i guariti e i vaccinati, diminuiscono i ricoverati e i contagiati e quindi spero proprio, non per dare ragione a me o alla Lega, ma per un giusto riconoscimento nei confronti dei tanti lavoratori italiani che si sono sacrificati, che si prenda atto della situazione sotto controllo e si restituisca il diritto al lavoro e alla libertà anche a tante categorie che fino a ieri sono state dimenticate e sacrificate“.

LEGGI ANCHE: Migranti, Sea Watch:«Anche in assenza di Ong 2.100 sbarchi a Lampedusa, 700 respinti e 5 decessi»

Risolta questa battaglia, si riapre la questione degli sbarchi nel centrodestra. Oltre Salvini, anche Giorgia Meloni interviene sul tema. “Non vogliamo abituarci a questo tipo di notizie. L’immigrazione clandestina va fermata. Come Fratelli d’Italia continuiamo a chiedere alla ministra Lamorgese un immediato blocco navale.” Ma al centrodestra, soprattutto a Salvini, risponde il sindaco di Lampedusa Totò Martello che afferma che “servono regole chiare per il soccorso in mare e per il controllo nel Mediterraneo”. Ma “è da irresponsabili ricominciare a fomentare odio sociale mettendo gli italiano contro i migranti. Quanto all’idea della Meloni di attivare un blocco navale, è una sciocchezza talmente evidente che non merita neppure commenti.