Green pass e multe: ecco quali sanzioni si rischiano e come evitarle [VIDEO]

Sanzioni amministrative da 400 a 1000 euro per il cittadino e per il gestore del locale. Quest’ultimo rischia anche la chiusura dopo aver commesso 3 violazioni. Il green pass è uno strumento nuovo ed occorre attenzione per evitare le multe.

Green pass e multe: come evitarle? Quali conseguenze si rischiano? - meteoweek.com

Il primo modo per gestire le multe relative al green pass è ovviamente evitare di riceverle, ecco quindi una breve ricapitolazione di quanto è necessario.

Chi ha l’obbligo di presentare il green pass?

L’obbligo della certificazione non si applica a persone in possesso di certificato cartaceo di esenzione per motivi di salute (fino al 30 settembre). Anche i cittadini che hanno ricevuto il vaccino ReiThera nell’ambito della sperimentazione Covitar (fino al 30 settembre) non devono esibire il certificato. Il Green pass non è obbligatorio anche per i bambini sotto i 12 anni ma questi possono comunque ottenerlo. Tuttavia l’età minima per ottenere il certificato è 2 anni. Per questa ragione dai 2 ai 6 anni è possibile richiedere il Green Pass senza fare il tampone. Dai 6 ai 12 anni, diversamente, occorre un tampone negativo o essere guariti dal covid. Tutti gli altri hanno l’obbligo di certificazione per partecipare ad una serie di eventi o entrare in determinati locali.

LEGGI ANCHE: Puoi imporre la Sharia e uccidere, ma Twitter non ti censura se usi le parole giuste. Cosa ci insegna l’Afghanistan

Quali luoghi o eventi richiedono l’esibizione del green pass per accedere?

I gestori dei ristoranti dovranno controllare i certificati - meteoweek.com
I gestori dei ristoranti dovranno controllare i green pass – meteoweek.com
  1. feste per cerimonie civili e religiose
  2. accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture
  3. spostarsi in entrata e in uscita da territori classificati in “zona rossa” o “zona arancione”
  4. servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per il consumo al tavolo, al chiuso;
  5. spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi;
  6. musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;
  7. piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;
  8. sagre e fiere, convegni e congressi;
  9. centri termali, parchi tematici e di divertimento;
  10. centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione;
  11. attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;
  12. concorsi pubblici.

LEGGI ANCHE: Sgomberato il rave abusivo. Lamorgese ormai nel mirino di Salvini e Meloni

Dal 1 settembre, inoltre, il personale scolastico e universitario e gli studenti universitari dovranno esibire la certificazione. Sempre a decorrere dal primo settembre sarà necessario il green pass per l’accesso e l’utilizzo dei seguenti mezzi di trasporto:

  • aeromobili adibiti a servizi commerciali di trasporto di persone;
  • navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale, ad esclusione di quelli impiegati per collegamenti marittimi nello Stretto di Messina;
  • treni impiegati nei servizi di trasporto ferroviario passeggeri di tipo Inter City, Inter City Notte e Alta Velocità;
  • autobus adibiti a servizi di trasporto di persone, ad offerta indifferenziata, effettuati su strada in modo continuativo o periodico su un percorso che collega più di due regioni ed aventi itinerari, orari, frequenze e prezzi prestabiliti; autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente, ad esclusione di quelli impiegati nei servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale e regionale.

Cosa serve per ottenere il green pass?

La vaccinazione è uno dei modi per ottenere il certificato - meteoweek.com
La vaccinazione è uno dei modi per ottenere il green pass – meteoweek.com

Per munirvi di green pass ed evitare le multe avete bisogno di tessera sanitaria e documento di identità. Con questi documenti dovete rivolgervi al sito internet ufficiale, all’app io o immuni o ai medici di medicina generale, farmacie e pediatri di libera scelta.

Quali sono i requisiti per il rilascio del certificato?

1)Aver fatto almeno una dose di vaccino.

2)Essere risultati negativi a un tampone molecolare o rapido nelle 48 ore precedenti.

3)essere guariti da COVID-19 nei sei mesi precedenti.

Una volta ottenuto, il green pass è valido dal 15esimo giorno dopo la vaccinazione e per 270 giorni (circa 9 mesi). É valido fino sei mesi dal primo tampone positivo di una persona guarita dal nuovo coronavirus. In seguito a tampone molecolare o antigenico il green pass vale solo 48 ore.

LEGGI ANCHE: Bonus rottamazione tv per l’acquisto di televisori con nuovi standard: quando si potrà richiedere

Il green pass risulterà revocato allo scadere delle 48 ore dopo il test negativo. O quando è stata somministrata la prima dose ma non ci si è presentati all’appuntamento per il richiamo. O se si contrae il nuovo coronavirus.

Che sanzioni sono previste per i cittadini che violano le regole?

Le sanzioni amministrative vanno dai 400 ai mille euro - meteoweek.com
Le sanzioni amministrative vanno dai 400 ai 1000 euro – meteoweek.com

Per il cittadino sprovvisto di green pass sono previste multe da 400 a mille euro. Contro la sanzione amministrativa si può sempre presentare un ricorso per opporsi. La legge stabilisce il termine di 30 giorni davanti al giudice di pace o al tribunale; il ricorrente deve essere presente all’udienza, non è necessario farsi assistere da un legale e il pagamento della multa preclude la possibilità di presentare ricorso. Il costo minimo da sostenere è di 43 euro di bolli (contributo unificato in base al valore della causa). Il ricorso deve essere depositato presso la cancelleria pace personalmente, da persona munita di delega oppure inviato a mezzo posta raccomandata A/R. È obbligatorio indicare il codice fiscale del ricorrente. In caso di sconfitta è possibile impugnare dinnanzi al Tribunale. È importante ricordare che la amministrativa, una volta contestato l’illecito nei termini previsti dalla legge, non si prescrive mai.

LEGGI ANCHE: Cuba controllerà internet e social media, nuovo decreto dopo le proteste

Come succede già nel caso delle multe stradali o sui mezzi di trasporto pubblico, la sanzione può essere pagata con uno sconto del 30% entro 5 giorni lavorativi.

C’è la possibilità di sanzioni penali?

Per determinati reati vi è il rischio di reclusione - meteoweek.com
Con determinati reati vi è il rischio di reclusione – meteoweek.com

Ulteriori rischi si presentano in caso di certificazione falsa o di presentazione di certificazione di un’altra persona. Nel primo caso si configura il reato di falso ex. art. 482 cp.. Tale articolo punisce colui che con la sua condotta compromette la fiducia dei privati nei confronti degli atti pubblici. Le sanzioni per tale reato, contemplate dagli articoli 476, 477 e 478, prevedono la reclusione da sei mesi a tre anni. Nel secondo caso si configura il reato di sostituzione di persona ex. art. 494 cp.. “Chiunque, al fine di procurare a sé o ad altri un vantaggio o di recare ad altri un danno, induce taluno in errore, sostituendo illegittimamente la propria all’altrui persona, o attribuendo a sé o ad altri un falso nome, o un falso stato, ovvero una qualità a cui la legge attribuisce effetti giuridici, è punito, se il fatto non costituisce un altro delitto contro la fede pubblica, con la reclusione fino ad un anno.”

LEGGI ANCHE: Mondo del lavoro dopo il COVID-19: le sfide e gli interrogativi sul futuro

Il caso di sostituzione di persona risulta, però, più difficile da accertare. Il cliente, nel caso venga richiesto il green pass è tenuto a mostrarlo (anche se non si tratta di pubblico ufficiale). Il gestore del locale, però, per quanto possa chiedere il documento di identità in caso di palesi incongruenze, non è obbligato ad operare tale controllo. Il gestore è obbligato solo al controllo del green pass e non risponde degli eventuali green pass falsi o di sostituzioni di persone se non in caso di palese incongruenza.

Una novità che va ad incidere molto sulla quotidianità di donne e uomini: e non tutti accettano di buon grado un tipo di controllo così pervasivo.  Abbiamo provato a chiedere ad un campione di cittadine e cittadini (nello specifico a Milano) un parere su questo provvedimento così discusso. Lae risposte nel servizio a cura di Agnese Peccianti.