Covid, un giovane su 6 è stato licenziato: sono soprattutto donne

Nel periodo di pandemia si è registrata una forte diminuzione del tasso di occupazione giovanile. Le più colpite sono le donne.

La pandemia ha avuto delle importanti conseguenze anche e soprattuto sul mondo del lavoro: a risentirne sono stati soprattutto i giovani, in particolar modo le donne, hanno perso il posto di lavoro. Più di un giovane su 6 in tutto il mondo è stato licenziato: questo emerge dal rapporto dell’Università di Cambridge commissionato dall’Organizzazione internazionale del lavoro delle Nazioni Unite.

I dati

Dal rapporto emerge che più del 40% dei giovani, nel periodo precedente la pandemia, era impegnato nei settori maggiormente colpiti come il commercio al dettaglio, il turismo e i servizi. Nel 2020 si è verificata una diminuzione dell’occupazione giovanile pari all’8,7%. Il doppio del tasso degli anziani, fermo a 3,7%. Ad essere colpite sono soprattutto le donne: l’occupazione femminile è diminuita del 5% rispetto al 3,9% degli uomini.

LEGGI ANCHE: Per gli anestesisti il Green Pass “è assicurazione contro nuove ondate”

«Blocco generazionale»

Gli esperti temono che si possa verificare un vero e proprio «blocco generazionale». «I giovani sono svantaggiati rispetto agli anziani quando si tratta di trovare lavoro dopo la pandemia» spiega Adam Coutts, co-autore del rapporto. Il rischio è che «debbano sbarcare il lunario tramite un lavoro in nero». Difficoltà più grandi possono presentarsi per i ragazzi che non hanno completato il ciclo di studi e che «spesso non hanno diritto all’indennità di disoccupazione o ai programmi di congedo». Da non sottovalutare anche l’aspetto psicologico: «I giovani sono stati costretti a rimanere in casa per un periodo lungo, bloccati con i genitori, tagliati fuori da amici e partner» afferma la Dottoressa Anna Barford. Questo non ha fatto altro che incrementare casi di «ansia, stress e depressione».

LEGGI ANCHE: Ieri i Bitcoin inquinavano quanto Vienna. Oggi quanto la Norvegia

La situazione femminile

Preoccupa particolarmente la situazione delle giovani donne. 132 Paesi hanno adottato 580 misure fiscali ed economiche per aiutare le imprese colpite dal Covid-19, ma solo il 12% si poneva l’obiettivo di garantire una sicurezza economica alle donne. Nei Paesi più poveri, si è registrato un aumento del numero di donne che si sono avvicinate al lavoro sessuale. «Le giovani donne sono state particolarmente colpite dalla pandemia. – spiega DrGarima Shai, co-autrice della ricerca – Maggiori perdite di posti di lavoro, aumento del lavoro di assistenza non retribuito e violenza di genere sono solo alcune delle conseguenze della pandemia».