Ucraina, Difesa Usa: “Mosca prenderà Lugansk in poche settimane”

Un funzionario della Difesa Usa, rimasto sotto anonimato, rivela che la regione di Lugansk sta per cadere sotto il controllo russo.

Troppo pesanti le perdite inflitte a Kiev. Cominciano a scarseggiare anche le munizioni.

Nel giro di poche settimane è probabile che Mosca abbia in mano l’intera regione di Lugansk. Infatti le forze ucraine subiscono pesanti perdite e le loro forniture di munizioni stanno diminuendo. Lo rende noto un alto funzionario della Difesa americana, riportato dal Washington Post. Le città di Severodonetsk e Lysychansk, sempre più sotto pressione, potrebbero finire in mano russa entro una settimana, ha detto il funzionario, rimasto anonimo.

Sabato sono proseguiti i feroci scontri di strada a Severodonetsk, città dall’importanza strategica vicino al fiume Donetsk. Ad ogni modo, continua il funzionario citato dal Post, gli avanzamenti sul campo delle forze russe costano pesanti perdite anche a Mosca. Le forze armate ucraine hanno combattuto una “difesa di area mobile” di grande efficacia. “Gli ucraini stanno facendo davvero un buon lavoro qui”, ha detto il funzionario Usa.

Attacco nella notte a Chortkiv

Auto distrutta a Chortkiv – Meteoweek

Attacco missilistico nella notte tra sabato e domenica nella regione di Ternopil, nella parte occidentale dell’Ucraina. Bilancio: 22 feriti, compreso un un bambino di 12 anni. Lo ha comunicato Volodymyr Trush, capo dell’amministrazione statale regionale.

“Ieri alle 21:46 è stato effettuato un attacco missilistico nella regione di Ternopil, precisamente nella città di Chortkiv... È andata distrutta parte della struttura militare, sono stati danneggiati quattro edifici civili di cinque piani. I 22 feriti sono stati tutti ricoverati. Le condizioni di quasi tutti sono soddisfacenti”, ha detto Trush.

Ucraina controlla l’impianto Azot a Severodonetsk

Serhiy Haida, il governatore della regione di Lugansk, ha reso noto su Telegram che l’Ucraina controlla ancora lo stabilimento chimico Azot a Severdonetsk, dove si sarebbero rifugiati centinaia di civili. I russi sostengono che i civili hanno iniziato ad abbandonare l’impianto e aggiungono che quelli rimasti sono “ostaggi”. Nei rifugi antiaerei sotterranei dell’impianto si troverebbero circa 200 dipendenti e 800 civili.

Melitopol: esplode ordigno vicino all’edificio del ‘ministero dell’Interno’ dell’amministrazione filorussa

Una bomba è esplosa a Melitopol, città ucraina controllata dai russi, vicino all’edificio del locale ‘ministero dell’Interno’ dell’amministrazione filorussa. A comunicarlo è stato Vladimir Rogov, membro dell’amministrazione provvisoria militare-civile della regione di Zaporozhzhia. Le autorità filorusse accusano i “miliziani ucraini”.

“Un ordigno esplosivo è stato collocato in un bidone della spazzatura vicino all’edificio del ministero degli Affari interni. Una giovane ragazza che stava passando di lì è rimasta gravemente ferita. È stata portata in ospedale. Anche un residente di Melitopol è rimasto ferito”, ha comunicato Rogov su Telegram. Che ha definito l’incidente un “attentato terroristico”. “Secondo i dati preliminari, la potenza dell’ordigno esplosivo è equivalente a 700-800 grammi di tritolo“, ha reso noto il funzionario.