Candyman | ecco il primo trailer ufficiale dell‘atteso horror

È stato finalmente pubblicato il primo trailer ufficiale di Candyman, remake dello storico film horror del 1992 con l’iconico Tony Todd. Il remake sarà prodotto dall’istrionico Jordan Peele, autore di successi cinematografici come Scappa – Get Out e Noi.

Il remake di Candyman, che vorrebbe essere un “sequel spirituale” dell’originale, sarà diretto da Nia DaCosta (giovane talento già regista di Little Woods). Nel cast figureranno Yahya Abdul-Mateen II (Aquaman), Teyonah Parris (Se la Strada potesse Parlare), Nathan Stewart-Jarrett (Misfits) e Colman Domingo (Fear The Walking Dead).

Candyman, in arrivo il remake

Il nuovo progetto prodotto (e co-scritto) da Jordan Peele ha adesso un primo trailer ufficiale, che in qualche modo già rivela lo zampino dell’istrionico regista e produttore. Il film si basa sulla pellicola omonima del 1992 scritta da Bernard Rose, e sulla storia breve The Forbidden, a firma di Clive Barker (il creatore della saga cult di Hellraiser) I produttori esecutivi del film sono David Kern, Aaron L. Gilbert e Jason Cloth.

Il trailer

Il film arriverà nelle sale cinematografiche statunitensi il prossimo 12 giugno. Non è ancora nota, invece, la data di uscita italiana.

Leggi anche: Saint Maud | il trailer del terrificante horror con Morfydd Clark

La sinossi del film

I residenti del popoloso quartiere residenziale Cabrini Green, a Chicago, sono sempre stati terrorizzati da una vecchia storia che si tramanda di generazione in generazione riguardo ad uno spettrale killer sovrannaturale con un uncino al posto di una mano, facilmente evocabile ripetendo cinque volte il suo nome davanti a uno specchio. Ai nostri giorni, dieci anni dopo la demolizione dell’ultima Cabrini tower del quartiere, l’artista visuale Anthony McCoy (Yahya Abdul-Mateen II, già apparso nella serie Watchmen e nel film Us) e la sua ragazza, la direttrice di una galleria d’arte Brianna Cartwright (Teyonah Parris, star di If Beale Street Could Talk e ThePhotograph), si trasferiscono in un condominio di lusso, in una zona della città che nel frattempo è diventata irriconoscibile e abitata da rampanti millennials.