Cattedrale di Nantes, l’incendio è doloso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:34

Un incendio è divampato all’interno della cattedrale di Nantes, ora domato. La Procura della Repubblica ha aperto un’inchiesta per “incendio doloso”

Cattedrale di Nantes incendio doloso

Il procuratore Pierre Sennes ha dichiarato che sono stati trovati tre inneschi in tre punti diversi all’interno della cattedrale: uno vicino al grande organo, gli altri due ai lati della navata.

Le fiamme sono state segnalate alle 7.45 e sono state domate intorno alle 10. I vigili del fuoco arrivati sul posto hanno dichiarato che “i danni sono concentrati sul grande organo, che sembra completamente distrutto” mentre la piattaforma su cui poggia “sembra sul punto di crollare”. Il parroco François Reanaud conferma: “il grande organo è completamente sparito. È impressionante e una perdita inestimabile”.

Leggi anche -> Migranti ammassati in un camper: fermati 32 irregolari

Nantes incendio doloso grande organo distrutto

Il primo ministro francese, Jean Castex, giunto a Nantes insieme ai ministri dell’Interno, Gérald Darmanin, e della Cultura, Roselyne Bachelot ha dichiarato “Voglio sapere quello che è successo”, manifestando “la solidarietà agli abitanti di Nantes”. Da parte sua Macron ha twittato il suo “sostegno ai vigili del fuoco che si espongono a tutti i rischi per salvare questo gioiello gotico della città dei Duchi”.

Cattedrale di Nantes, incendio doloso pompieri

La cattedrale dei Santi Pietro e Paolo di Nantes era già stata vittima dei bombardamenti del 1944 e dell’incendio del tetto nel 1972. È stata completata solo nel 1891, dopo 457 anni di lavori che iniziarono nel 1434, dal duca di Bretagna Giovanni V. La cattedrale è stata dichiarata nel 1862 monumento storico dal governo francese. La sua navata centrale supera in altezza di vari metri quella di Notre-Dame di Parigi, devastata due anni e mezzo fa da un incendio.

I vescovi francesi sono intervenuti in merito ed hanno dichiarato: “Dopo l’incendio di Notre-Dame di Parigi nell’aprile 2019 e quello di questa stessa cattedrale di Nantes nel 1972, non è solo una parte dell’eredità religiosa che viene distrutta ma anche un simbolo della fede cattolica che viene danneggiato, ed è ferito il cuore di tutti coloro per i quali questi edifici sono luoghi di preghiera, rifugi spirituali, punti di riferimento per la loro fede”.

Leggi anche -> Tamponamento a catena in A4, tra Bergamo e Grumello: 16 le persone coinvolte