Billionaire, camerieri malati e balli sfrenati: i 10 giorni prima della chiusura

Il virus è entrato nel Billionaire prima di Ferragosto. Un cameriere del locale di Flavio Briatore si sente male il 12, nel pieno della settimana del tutto esaurito in Costa Smeralda. Intanto, nonostante molti dello staff continuano ad accusare i sintomi, si balla tra i tavoli come niente fosse.

meteoweek.com

Prima un cameriere, la tosse e la febbre, il consiglio di riposare. Dopo qualche giorno però non è il solo dello staff ad accusare i sintomi mentre al Billionaire si continua a stappare champagne e i clienti, senza mascherina, si assembrano in balli attorno ai tavoli. Dietro le quinte del sogno patinato, un gruppo di ragazzi si muove tra Porto Cervo, Olbia e Arzachena in preda all’ansia e in cerca di qualcuno che faccia loro un tampone.
I giorni precedenti alla chiusura totale fanno parte di una storia che Repubblica ricostruisce grazie a testimonianze dirette e qualificate, e che potrebbe diventare anche oggetto dell’indagine — per ora senza indagati né ipotesi di reato — aperta dalla procura di Tempio Pausania. Dunque, con ordine.


LEGGI ANCHE:

Italia nella morsa del maltempo: a Verona tromba d’aria e case scoperchiate

Inferno di fuoco a Palermo, oltre 400 gli evacuati


Il primo sospetto dopo i sintomi

meteoweek.com

I clienti non rispettano le regole e i responsabili del Billionaire non riescono a imporre prudenza. Poco male, la movida deve andare avanti. Si arriva al 12 agosto. Uno dei camerieri impiegato nei turni del dinner show non si sente bene: ha la febbre e la tosse. Gli sembra anche di non percepire gli odori. Tutti i sintomi portano a pensare ad un possibile positivo. Secondo i testimoni interpellati da Repubblica, la direzione del Billionaire lo mette per precauzione in isolamento ma dopo pochi giorni altri tre colleghi avvertono gli stessi sintomi e, anche loro, vengono lasciati a riposo. La vita notturna del Billionaire invece non si ferma. Il locale, che ha dimezzato la capienza a 350 posti e registra gli ospiti entranti è comunque pieno. I manager però sono preoccupati per chi è in auto-isolamento e la situazione va gestita.

Nelle giornate tra il 13 e il 14 agosto gli isolati e anche alcuni ragazzi che con loro condividono l’alloggio (6-7 persone in tutto) vengono mandati all’ambulatorio del Consorzio per sottoporsi al test sierologico. Sono negativi. I medici non sono conviti e chiedono di fare un tampone. Per farlo, il gruppo si sposta ad Olbia ma è rimbalzato dalla reception del pronto soccorso dell’ospedale. “Non è questa la procedura da seguire, dovete telefonare al numero verde della Regione”. C’è però un medico del Consorzio che, in forma privata e al costo di 150 euro ciascuno, può far loro il tampone con una strumentazione ad hoc. Non c’era tempo da perdere. L’appuntamento viene fissato per il 17 agosto, e a pagare la parcella è il Billionaire. Che, nel frattempo, sta per celebrare il suo Ferragosto, la serata più attesa dell’estate.


LEGGI ANCHE:

Billionaire: il 18 mattina comunicano la chiusura

meteoweek.com

A Ferragosto tutti i tavoli sono prenotati. Alle 8 di sera è previsto l’arrivo di dieci “runner” di sala aggiuntivi che l’agenzia interinale Etjca si è impegnata a procurare, con lo scopo di rafforzare l’organico. Nessuno dei ragazzi si presenta a lavoro. Dal Billionaire contattano il referente dell’agenzia, il quale spiega che i ragazzi si sono rifiutati di andare. “Sono spaventati, dicono che ci sono colleghi che non stanno bene…”. Dalla direzione avevano anche mandato all’agenzia i risultati dei sierologici, ma niente è riuscito a convincerli, fortunatamente. La voce si è sparsa, e con essa la paura. Il 17 agosto è un lunedì e diventa l’ago della bilancia. Lo stesso giorno succedono due cose: il sindaco di Arzachena firma l’ordinanza per la musica troppo alta dopo l’una e il tampone oro-faringeo effettuato a pagamento dà “potenziali positività”. Il medico privato ritiene che l’esame non sia attendibile al cento per cento, e avverte la Asl di riferimento. Quella sera il Billionaire organizza comunque il dinner show. La mattina del 18 la direzione del locale di Briatore diffonde un comunicato in cui annuncia la chiusura “con 6 giorni di anticipo rispetto alla data prevista” in polemica col comune. I primi 6 casi certi di positività verranno ufficializzati il 21 agosto. E le polemiche si inaspriranno. Ad oggi, i contagiati del Billionaire sono 60. Briatore compreso.