Ucraina, Human Rights Watch: “Inferno a Mariupol”

Ascolta l'audio-articolo

Alcune testimonianze parlano di un “paesaggio infernale gelido crivellato di cadaveri ed edifici distrutti” a Mariupol.

Ma le forze ucraine non si sono ancora arrese e continuano a resistere nella città portuale meridionale.

L’esercito ucraino continua a difendere Mariupol e Chernihiv. Lo comunica il bollettino dello stato maggiore di Kiev. I russi, secondo il bollettino, stanno reclutando soldati esperti in combattimento per bilanciare le forti perdite subite in battaglia. La Difesa ucraina afferma che la Russia, dall’inizio dell’invasione, ha già perso più soldati di quanti ne sono morti nei dieci anni di conflitto armato in Afghanistan (1979-198). Kiev parla di 15.300 militari russi uccisi (in Afghanistan erano caduti in 15.051), mentre l’intelligence Usa stima in circa 7 mila le perdite russe. Lo stato maggiore ucraino rende poi noto di aver abbattuto 6 aerei, 5 droni, un elicottero e 5 missili da crociera russi.

Hrw: inferno a Mariupol

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko – Meteoweek

Nel bollettino si dà notizia anche di un sabotaggio della ferrovia tra Bielorussia e Ucraina da parte di alcuni esponenti dell’opposizione e semplici cittadini contrari alla guerra, che avrebbero rimosso parte dei binari per precludere a Minsk la possibilità di inviare aiuti o armi alle forze russe. Nei giorni scorsi il presidente ucraino Zelensky aveva più volte paventato l’entrata in guerra della Bielorussia a fianco dell’alleato russo, anche se diversi analisti la ritengono improbabile per l’ostilità dell’esercito e della popolazione bielorussa a una tale eventualità. Inoltre anche il presidente bielorusso Lukashenko non sembra intenzionato a mettere in forse la tenuta del suo regime. Due giorni fa Minsk aveva prima schierato e poi ritirato un reggimento di paracadutisti sul confine ucraino.

I russi hanno sequestrato una colonna di undici pullman, vuoti, che si dirigevano a Mariupol per raccogliere i profughi. Lo riferisce la Cnn sulla base di fonti governative ucraine. Mariupol è assediata e bombardata da settimane e almeno 100 mila civili, ha detto Zelensky, sono senza acqua e medicinali. Dai fuggitivi arrivano terribili testimonianze che parlano di un “paesaggio infernale gelido crivellato di cadaveri ed edifici distrutti“, comunica la Ong Human Rights Watch. In un video, Zelensky ha riferito che oltre 7 mila persone sono fuggite dalla città portuale soltanto nelle ultime 24 ore, e che un gruppo di profughi è stato catturato dai russi mentre percorreva un corridoio umanitario.

Biden  a Bruxelles per discutere di nuove sanzioni

Deterrenza e nuove sanzioni per Mosca. Di questo parlerà il presidente americano Biden, che questa sera sarà a Bruxelles “per discutere degli sforzi di deterrenza e difesa in risposta all’attacco ingiustificato e non provocato della Russia contro l’Ucraina”. Lo comunica la Casa Bianca, spiegando che questo sarà il focus dell’intervento presidenziale durante il vertice straordinario della Nato di domani. “Il presidente Joe Biden confermerà “il nostro ferreo impegno sulla sicurezza dei nostri alleati Nato”. Così la Casa Bianca in un comunicato diffuso alla vigilia della partenza di Biden per Bruxelles. Dopo il vertice Nato di domani Biden discuterà coi leader del G7 le “conseguenze” per la Russia della guerra in Ucraina.