Recessione: perché l’Italia è considerata la più a rischio e cosa cambia per le famiglie

Sempre più economisti internazionali sostengono che l’Italia sia ad alto rischio recessione.

Da ultimo anche il famoso economista Roubini sul New York Times ha messo in guardia il nostro paese: tra tutti quanti è quello che più rischia una recessione profonda.

Pixabay

Cerchiamo di capire il perché di questi allarmi e cosa cambia concretamente per gli italiani. L’Italia sconta tutta una serie di fragilità che vanno avanti da tempo e che nessun governo ha mai affrontato seriamente.

Per l’Italia un alto rischio di recessione

Le politiche espansive ed accomodanti della Banca Centrale Europea anno per lungo tempo reso questi problemi meno pressanti ma oggi la BCE è costretta ad un vistoso cambio di rotta e proprio per i paesi più fragili come il nostro possono esserci pesanti problemi. La Banca Centrale Europea è costretta ad alzare i tassi e a iniziare una politica economica restrittiva, solo così si potrà arginare la fortissima inflazione. L’inflazione è ormai troppo alta e la Banca Centrale Europea deve intraprendere questa strada dura. Ma l’Italia ha il problema di avere un debito pubblico difficilmente sostenibile ma questo non è l’unico problema del nostro paese. Infatti il nostro paese ha anche il problema di una bassa produttività e di un divario troppo forte tra poveri e ricchi.

La nuova politica della BCE è dura per l’Italia

Tutti questi problemi possono esplodere a causa delle politiche restrittive della Banca Centrale Europea e di conseguenza il nostro paese rischia di finire in recessione.

Pixabay

La recessione è un problema che riguarda tutti i paesi del mondo ma le particolari fragilità dell’Italia la rendono più esposta. Il problema è che gli italiani sono già duramente provati dall’inflazione e dalla forte precarietà lavorativa e di conseguenza un ulteriore inasprimento della situazione economica sarebbe ben poco tollerato dalle famiglie italiane e specialmente da quelle più fragili. L’Italia sconta già una situazione sociale particolarmente tesa e problematica e il temuto arrivo della recessione potrebbe essere davvero insostenibile per troppe famiglie italiane che già oggi praticamente non riescono ad andare avanti. Dunque la recessione rischia di far emergere tensioni sociali che non si vedevano da tempo in Italia.