Il drammatico racconto di Elenoire Casalegno: “Mia figlia stava morendo”

Ospite nel salotto di Oggi è un altro giorno, talk condotto da Serena Bortone, Elenoire Casalegno ha parlato a cuore aperto del difficile momento che ha attraversato. La conduttrice ha infatti rischiato di perdere sua figlia, le sue parole non sono passate in sordina, il racconto dell’ex modella ha lasciato tutti di stucco. I telespettatori sono infatti rimasti senza parole, nessuno poteva immaginare il dramma che ha affrontato. 

Oggi è un altro giorno, Elenoire Casalegno e il suo racconto, la conduttrice svela il suo dolore

Elenoire Casalegno, conduttrice e showgirl amatissima dal pubblico nostrano è stata ospite nella puntata di Oggi è un altro giorno e si è messa a nudo, raccontandosi e svelando alcuni aneddoti dolorosissimi della sua vita. Nel corso della lunga chiacchierata con la timoniera del talk ha infatti ripercorso un episodio del passato che non dimenticherà mai.

La conduttrice ha raccontato di come ha trascorso quei giorni in cui l’allora compagno Omar Pedrini fu colpito da un aneurisma aortico, un evento spaventoso che l’ha segnata. Ma purtroppo non è stato l’unico evento drammatico, la Casalegno ha infatti svelato: “Io ero all’ottavo mese, aspettavo mia figlia mi svegliai una mattina pensando ci fosse qualcosa che non andava, andai a fare il monitoraggio ed il battito era inesistente e la dottoressa disse ‘tra venti minuti deve nascere la bambina senno muore’ aveva due giri intorno al collo ed uno a bretella.”

Elenoire Casalegno, la conduttrice svela: “mi ha salvato la vita”

La conduttrice ha aggiunto: “Non ho avuto tempo di capire, mi hanno portato d’urgenza in sala operatoria per il cesareo. La mattina dopo me l’hanno data ed io lo guardata ed ho pensato come fosse stato possibile di fare un essere umano così perfetto.”
Elenoire Casalegno ha poi raccontato che in tanti, soprattutto colleghi, le hanno chiesto perchè avesse deciso di mettere al mondo una figlia a soli 23 anni.
E la showgirl ha dichiarato: “Perché mettere al mondo un figlio, e limitare il lavoro, la propria vita. Arriva un momento in cui sei pronta. È difficile da spiegare, non c’è una regola. Arriva, punto. Oggi Swami ha 20 anni, e alla domanda ‘perché?’ rispondo perché mi ha salvato la vita”.