Giusy Ferreri il dramma della malattia | In lacrime a Verissimo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:09

Giusy Ferreri apre il suo cuore a Silvia Toffanin e racconta il dramma della malattia. Come sta oggi la cantante?

Giusy Ferreri il dramma della mattia – meteoweek

Giusy Ferreri rompe il silenzio e racconta il dramma della malattia riguardante la malformazione genetica al cuore.

Il racconto arriva a Verrissimo in occasione dell’intervista rilasciata a Silvia Toffanin.

Leggi anche -> Emma Marrone vola a Los Angeles da Tiziano ferro | Foto

Leggi anche -> Tiziano Ferro si aprono le porte del Festival di Sanremo | Video

Giusy Ferreri – meteoweek

“Dovevo iniziare un nuovo ciclo”

In occasione della nuova intervista rilasciata a Verissimo, Giusy Ferreri ha voluto raccontare il periodo artistico arrivato dopo il secondo posto a X-Factor e il successo del brano Non ti scordar mai di me, scritta da Tiziano Ferro.

In particolar modo ha dichiarato: “Avevo bisogno di iniziare un nuovo ciclo, assentarmi un attimo e tornare con tracce firmate anche da me“.

Ma il tutto non finisce qui e la cantante decide anche di rompere il silenzio su un qualcosa di estremamente delicato come la malattia al cuore.

Giusy Ferreri foto – meteoweek

Leggi anche -> Andrea Damante a Verissimo | racconterà della “patetica” De Lellis

Leggi anche -> Ilary Blasi a Verissimo | Gaffe glielo l’appoggia sempre | Video

Giusy Ferreri il dramma della malattia

L’intervista che Giusy Ferreri ha rilasciato a Verissimo, ospite di Silvia Toffanin è stata anche l’occasione perfetta per raccontare il dramma vissuto fin da piccola per la malattia derivante da una malformazione al cuore.

Dopo anni di cure e limitazioni ecco che la cantante finalmente sembra aver superato in modo eccezionale la cosa: “Ero nata con una malformazione al cuore, non potevo fare attività fisica . Adesso mi sto dando alla pazza gioia“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Con @silviatoffanin_ a @verissimotv 💙

Un post condiviso da Giusy Ferreri (@giusyferreriofficial) in data:


In fine questa conclude dicendo: “Della mia ‘vita precedente’ non vorrei niente. È rimasto tutto, ho solo aggiunto altre cose“.