Morte Viviana Parisi, corsa contro il tempo per Gioele: vertice in prefettura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:13

Viviana e Gioele sono scomparsi insieme lunedì scorso. Il corpo senza vita di Viviana è stato trovato due giorni fa, nei boschi nelle campagne di Caronia, mentre Gioele, il bimbo di 4 anni, risulta ancora disperso. È prevista per oggi una nuova riunione operativa per stabilire delle nuove strategie.

Morte Viviana Parisi scomparsa di Gioele ricerche vertice in Prefettura

È prevista per oggi, nella Prefettura di Messina, una nuova riunione operativa riguardo le ricerche del piccolo Gioele, il bimbo di 4 anni che si trovava in macchina con la madre Viviana Parisi, trovata morta due giorni fa nelle campagne di Caronia. L’incontro ha lo scopo di stabilire una strategia da attuare nei prossimi giorni, considerato che è già stata controllata un’ampia area di oltre 500 ettari. Sono state battute molte zone anche più volte, è stata considerata tutta la porzione che va dal luogo in cui la madre ha lasciato la sua auto al punto del ritrovamento del cadavere. I vigili del fuoco stanno controllando di nuovo canaloni, dirupi, cespugli. C’è anche un cane molecolare per la ricerca di Gioele. Una vera e propria lotta contro il tempo per trovarlo vivo. Intanto gli inquirenti per ora non si sbilanciano, nessuna pista è esclusa. Non è chiaro neanche se il bambino si trovasse con la madre al momento dell’incidente. Alle ricerche di oggi, coordinate da esperti in topografia applicata al soccorso, stanno partecipando squadre a terra formate da unità Saf (Speleo alpino fluviale) e cinofili, mentre droni del nucleo Sapr (Sistemi aeromobili pilotaggio remoto) stanno effettuando rilievi dall’alto della zona della scomparsa.

Leggi anche -> Viviana Parisi, lo strazio del marito: «Non credo si sia uccisa» il padre: «Me l’hanno ammazzata»

Gioele figlio Viviana Parisi

Le ricerche si allargano

Non è escluso che le ricerche si allarghino anche a Sant’Agata Militello e nei paesi vicini. Si indaga infatti anche sui misteriosi 20 minuti di buco nei quali Viviana è uscita con l’auto dal casello di Sant’Agata di Militello della Palermo-Messina per poi ritornare sulla stessa autostrada dove, vicino a Caronia, ha avuto un incidente tamponando un furgone fermo.

Le ricerche di Viviana Parisi e Gioele Caronia

Molti punti oscuri

L’unica cosa certa è che dopo aver urtato un furgone con la sua auto nella galleria lungo la A20 Messina-Palermo, Viviana ha compiuto un percorso fatto a piedi e ha lasciato la sua auto nella piazzola dell’autostrada qualche centinaio di metri più avanti, per giungere poi fino al punto in cui è stata trovata senza vita a circa un km e mezzo di distanza. Secondo alcune testimonianze di chi era sul posto Viviana “Sembrava da sola” lo avrebbero dichiarato i due occupanti del furgone urtato dalla donna. Ma altre due persone che si erano fermate vicino alla piazzola di sosta avrebbero invece riferito di aver visto “una donna scavalcare il guard rail con un bambino in braccio”. Vi sono ancora molti punti da chiarire in questa terribile tragedia.

Leggi anche -> Viviana Parisi: troppi misteri, troppi dubbi, troppe ombre

Viviana Parisi percorso